Conte chiede a Macron hotspot in Africa

Conte chiede a Macron hotspot in Africa

"Abbiamo gestito la difficile situazione con la massima concentrazione", aggiunge Conte. E' quanto sottolineano fonti del governo italiano dopo il pranzo di lavoro all'Eliseo tra il presidente Emmanuel Macron e il premier Giuseppe Conte. L'obiettivo è riformare "il regolamento di Dublino e il sistema di relocation per quote". E lancia la proposta di centri gestiti dall'Ue in Africa: "Bisogna rafforzare a livello europeo i rapporti con i Paesi di origine e transito dei migranti per prevenire i viaggi della morte", ha detto "servono centri di protezione europei nei paesi di origine e di transito per accelerare identificazione e richieste di asilo". È per questo che a premere su una telefonata di chiarimento ieri sono state la più importanti capitali.

Macron pare insomma voler sfruttare l'Italia e sopratutto i 5S come un'arma per arrivare a un'ampia riforma della Ue, in senso più europeista però come ha sempre sostenuto sin da quando ha fondato En Marche.

L'incontro Macron-Conte è stato preceduto da nuove dichiarazioni dure di Salvini che ha detto: "A Ventimiglia i cinici e gli irresponsabili sono oltre il confine".

Un braccio di ferro, quello del governo italiano con l'UE, che ha messo al muro la totale mancanza di cooperazione tra i paesi membri. Dopo le tensioni dei giorni scorsi, il leader italiano ha incontrato il presidente francese all'Eliseo per parlare del futuro dell'Europa. Ma Macron puntualizza anche: "L'Italia ha avuto arrivi massicci di migranti". Poi quando ha fatto riferimento a un asse tra i ministri dell'Interno di Italia, Germania e Austria per fronteggiare la questione migranti: "Diffido di queste formule che non ci hanno mai portato tanta fortuna nella storia", ha affermato, riferendosi evidentemente all'asse della Seconda Guerra Mondiale.

Contemporaneamente all'incontro di Parigi, il ministro dell'Interno Matteo Salvini ha continuato, in territorio italiano, sia pur moderatamente, a soffiare su fuoco: "Dal vertice dei presidenti del Consiglio in Francia mi aspetto rispetto e aiuti concreti".

Secondo Conte gli hotspot sarebbero realizzati nei Paesi africani d'origine - non solo la Libia ma anche quelli sahariani, come il Niger - per chiudere la rotta verso il Mediterraneo tutelando, al tempo stesso, le vite dei migranti.

Conte ha poi preannunciato un nuovo bilaterale Francia-Italia che si terrà a Roma in autunno.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano.

Nella notte tra mercoledì e giovedì il presidente francese ha telefonato a Conte: il colloquio è stato definito "cordiale" e giovedì 14 giugno il premier italiano ha confermato la sua visita a Parigi.