Valentino Rossi al Mugello con qualche timore

Valentino Rossi al Mugello con qualche timore

Ha aggiunto il campione del Mondo. Il Dottore vanta un'invidiabile striscia di ben sette vittorie consecutive nella categoria regina, dal 2002 al 2008, alle quali si aggiungono altri due successi in 250cc (1999) e 125cc (1997), oltre ad altri tre terzi posti, l'ultimo nel 2015.

Premesse non eccellenti per il Dottore che arriva al Mugello in un momento tecnico difficile per la Yamaha ma comunque determinato a tirare fuori il meglio dalla sua M1: "Salire sul podio a Le Mans, prima del Mugello, è fantastico". In generale è bello essere sul podio prima di ogni gara, perché i dieci giorni prima della prossima gara non sei arrabbiato.

Sempre al Mugello, pista storicamente positiva per la Yamaha e il pesarese - sulle colline toscane Rossi detiene il record assoluto di vittorie, 9, come del resto anche quello del numero di podi, 13 in carriera - due settimane fa la Yamaha ha completato un test privato che si è però rivelato pressoché inutile per i piloti della casa di Iwata. "Dobbiamo principalmente migliorare la moto e cercare poi di fare del nostro meglio".

Maverick Viñales sta cercando di riprendersi da un difficile weekend di gara a Le Mans, ma è soddisfatto dei progressi fatti durante i test della scorsa settimana al Montmeló ed è impaziente di tornare in pista per tentare di ridurre il gap dal leader Marc Marquez.

"Mi sentivo ottimista riguardo alla gara del Mugello prima del test che abbiamo fatto lì qualche settimana fa, ma durante il test non siamo stati veloci come volevamo". Abbiamo perso alcuni punti molto importanti per il campionato nei turni precedenti, ma, anche così, non ci arrenderemo e continueremo a lavorare duramente per ottenere buoni risultati nelle prossime gare - ha assicurato lo spagnolo -. "Darò il mio 100% e proverò a non deludere i nostri fan".