Roger Federer torna numero uno al mondo

Roger Federer torna numero uno al mondo

Vincere una partita sulla terra rossa contro Nadal è infatti difficilissimo per tutti e infatti non succedeva da un anno meno una settimana, cioè dai quarti di finale di Roma, quando proprio l'austriaco aveva eliminato Rafa dagli Internazionali d'Italia in due set con il punteggio di 6-4, 6-3. Sotto di un break, Nadal era stato capace di recuperare lo svantaggio portando il primo set sul 5-5 e il secondo sul 3-3, ma in entrambe le circostanze ha subito l'immediato controbreak e poi non ha più saputo reagire facendosi battere 7-5, 6-3 dal numero 7 al mondo.

Ricordo infine che, con la sconfitta di Nadal in semifinale, da lunedì Roger Federer tornerà numero 1 del mondo.

Bando alle ciance, una volta fermata la striscia vincente, la partita è ancora lunga e la strada si mette in salita per il ragazzo di Manacor.

Nessuno da allora è riuscito nell'impresa di arrestare la marcia trionfale del maiorchino, pronto a confermarsi a Madrid - dove stranamente è campione in carica e recordman di trionfi con 5 titoli - in vista del torneo dello Slam che più in assoluto riesce a galvanizzarlo: l'Open di Francia, o Roland Garros che dir si voglia.

Rafael Nadal cade insieme ai suoi record, dopo un anno di vittorie spaziali su questa superficie.

Rafa ha provato a rimanere aggrappato al match, ma sin da subito l'austriaco si è dimostrato in palla. Tre dritti incredibili di Thiem planano sulla linea laterale e firmano il 2-2. Un doppio fallo dell'austriaco e un altro dritto lungo rimettono Nadal in carreggiata.

Questo coraggio, questa voglia di non lasciarsi spazzare via da Nadal, insieme a un paio di regali inaspettati dello spagnolo, permettono a Thiem di servire un'altra volta per il primo parziale. È la premessa per la vittoria finale, che avviene poco dopo, di nuovo con Nadal al servizio. Affronterà oggi Kevin Anderson, che lo ha sempre battuto nelle 6 precedenti occasioni ma mai sulla terra battuta.