Rai, Maggioni indagata. Viale Mazzini: "Fatto meramente tecnico"

Rai, Maggioni indagata. Viale Mazzini:

La giornalista meratese Monica Maggioni, numero uno della Rai, sarebbe indagata per peculato e abusuo d'ufficio. In particolare, secondo l'Ansa, l'indagine riguarderebbe "viaggi effettuati da Maggioni anche per presentare il suo libro". Il procedimento è frutto di un esposto presentato da una associazione di cittadini 'Rai bene comune'. Tutta l'indagine nasce da un esposto presentato dal presidente dell'Associazione 'Rai bene comune' Riccardo Laganà e si riferisce a fatti avvenuto tra il 2013 e il 2015. L'inchiesta ruota attorno alle spese nelle trasferte, sostenute dalla stessa Maggioni, quando era direttore di Rai News per la presentazione del suo libro "Il terrore mediatico", scritto in seguito agli attacchi terroristici alla redazione di Charlie Hebdo. Dopo quella denuncia si attivò la Guardia di Finanza che fece una perquisizione durante la quale acquisì una serie di documenti nella sede Rai di viale Mazzini. Le stesse spese, si ricorda, sono già state oggetto di una audizione presso la Commissione parlamentare di vigilanza.

"Gli avvocati che seguono la vicenda per Rai comunicano che le indagini si sono concluse, che l'iscrizione è solo un fatto meramente tecnico e che, ragionevolmente, si arriverà in breve tempo al definitivo chiarimento sulla vicenda". Viene aggiunto che "di più, su questa stessa vicenda l'Anac ha svolto approfondite indagini" che si sono concluse il 7 marzo scorso "con un provvedimento di archiviazione". Lo spiega una nota Rai.