Monete straniere spacciate per due euro: attenti al resto!

Monete straniere spacciate per due euro: attenti al resto!

Ancora oggi, infatti, in città come Napoli e Roma, è possibile ricevere in resto monete straniere di bassissimo valore al posto della moneta da due euro. Ma è simile alle 2 euro anche la moneta da 5 scenini del Kenya, che pare abbia un valore inferiore anche ai €0,20. Nelle principali città italiane, quelle battute da una grande quantità di turisti come Roma e Napoli, il rischio di ricevere come resto delle monete straniere dal valore basso che somigliano molto alle nostre due ore, è ancora molto alto. La differenza principale tra queste due monete è il loro valore: 10 bath equivalgono a soli 25 centesimi di euro.

Occhi ben aperti per quanto riguarda le monete da 2 euro! Difficile accorgersene sul momento, quando un negoziante di dà il resto, si tende infatti sempre a prelevare le monete in fretta anche perché magari dietro ai una fila di gente spintonante come accade sempre in Italia, prendi tutto e poi solo in seguito ti accorgi della truffa.

Già due anni fa la Federconsumatori aveva lanciato il monito agli utenti di prestare particolare attenzione alla possibilità di cadere in errore o di subire una truffa, a causa dell'incredibile somiglianza tra la moneta Bath (conio thailandese) e la nostra 2 euro, essendo essa più o meno dello stesso peso e bimetallica in egual modo.

Tanti distributori automatici, soprattutto quelli più "datati", non sarebbe neanche in grado di distinguere i 10 bath da una moneta da due euro, perché sono simili per lega, colore e composizione.

Nel 2016 un esercente di Amalfi fu proprio vittima di questa truffa.

Un allarme piuttosto simile è stato lanciato anche riguardo la lira turca che è stata coniata dal gennaio 2005 e che secondo molti economisti è quasi in tutto o si può dire praticamente uguale alla nostra moneta da €1.