L'ultimo tentativo di Di Maio: "governo politico o voto"

L'ultimo tentativo di Di Maio:

Terzo giro di consultazioni, lunedì 7 maggio, per la formazione del nuovo governo dopo le elezioni del 4 marzo. Altrimenti l'unica alternativa resta quella del ritorno al più presto alle urne. Forse Di Maio, se gli impegni che ha preso lo permetteranno, arriverà addirittura a sorpresa una mezz'oretta prima a Imola per visitare una delle due strutture da sempre considerate un'eccellenza della città: l'autodromo o la Rocca sforzesca dove ha sede l'Accademia "Incontri col maestro". "Si vada al voto a luglio!", scrive il capo politico pentastellato, prima di dare inizio all'assemblea congiunta dei parlamentari.

Per questo dico a Matteo Salvini: scegliamo insieme un Presidente del Consiglio terzo, purchè sia una personalità in grado di connettersi con le esigenze del Paese, una persona di testa e cuore in grado di realizzare ciò che i cittadini ci hanno chiesto: reddito di cittadinanza, via la Legge Fornero, una seria legge anticorruzione. Nessuno si è seduto al tavolo in 65 giorni, questi 65 giorni sono stati i giorni della verità, in cui abbiamo capito perchè i partiti stanno finendo.

"Se metteremo avanti i problemi degli italiani - ha concluso Di Maio - usciremo dallo stallo".

Sono in corso i colloqui con i partiti minori, ma attraverso le dirette Facebook Matteo Salvini e Luigi Di Maio hanno iniziato già la campagna elettorale per tornare al voto presto, prestissimo, anzi.

Gli sconfitti di fronte all'ipotesi di ritorno al voto a breve sono Berlusconi da un lato e il Partito democratico dall'altro.