Lo svarione dei test invalsi: Antonio e Cleopatra sconfitti ad Anzio

Lo svarione dei test invalsi: Antonio e Cleopatra sconfitti ad Anzio

Antonio e Cleopatra furono sconfitti nella battaglia di Anzio, c'è scritto.

Dopo la gaffe del Miur alla Maturità dello scorso anno, quando sul portale apparvero le "traccie" dei temi, arriva l'errore da matita blu (meglio, da cinque in storia) nel test Invalsi per la quinta elementare. In realtà la battaglia è quella di Azio, siamo nel 31 avanti Cristo: lo scontro navale fu vinto dalla flotta di Ottaviano contro Marco Antonio che si fece convincere da Cleopatra a rinunciare al combattimento e a fuggire verso l'Egitto. Secondo i tecnici che hanno compilato il test, infatti, Antonio e Cleopatra sarebbero stati sconfitti ad Anzio.

L'errore, che lega la battaglia alla località del litorale laziale anziché ad Azio, situata sulle coste greche, in poche ore ha fatto il giro del web, scatenando polemiche e ironie sui social network.

Pronta la replica dell'istituto Invalsi che si difende dalle accuse e si scusa spiegando come l'errore sia da imputare a un semplice refuso e che comunque non incide sulla valutazione degli studenti.

Nello specifico la domanda sotto inchiesta è quella in cui si chiede ai piccoli studenti di esprimere il proprio accordo, in una scala da "per niente" a "totalmente", su alcune definizioni a proposito del loro futuro, tra le quali ritroviamo ad esempio "Riuscirò a comperare le cose che voglio" e "Troverò un buon lavoro".

"Si passa dalle supposizioni su fantomatiche vacanze allo Zoomarine, al suggerimento di recarsi presso Anzio con il treno in quanto metodo più rapido, fino al dubbio espresso da Unicobas nei riguardi del responsabile della domanda:" Invalsicomio.