Governo M5s-Lega: "Stiamo per chiudere"

Governo M5s-Lega:

Che due forze di governo (ma davvero?) fatichino a ritrovarsi su un programma diverso dopo una propaganda tutta strepiti e urlacci non stupisce nessuno. Per l'ennesima volta, la pazienza del Capo dello Stato, a cui al telefono avevano detto di essere "pronti" la sera prima, viene messa ancora a dura prova.

"Il contratto di governo pubblicato dall'Huffington Post è una versione vecchia - si legge nella nota congiunta - che è stata già ampiamente modificata nel corso degli ultimi due incontri del tavolo tecnico". Lui e l'alleato terranno le bocche cucite, forse per evitare di farsi qualche sgambetto reciproco. Ai social affida il suo commento anche il ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda che su Twitter scrive: "Il contratto M5S Lega oltre a contenere il più enorme cumulo di baggianate economiche mai scritte a memoria d'uomo prevede la chiusura dell'Ilva". La motivazione fornita da un deputato del Movimento 5 Stelle, allarmato, fa sorridere: "Era un copia incolla di entrambi i programmi, quella bozza non fa fede". Il contratto di governo "è quasi finito" ma, ammette il leader pentastellato, sul nome del futuro premier "stiamo ancora discutendo". Immediatamente Matteo Salvini aveva rispedito i consigli non richiesti al mittente, annunciando una svolta sul tema immigrazione e l'avvio dei respingimenti dei clandestini. Il ruolo attribuito dalla Costituzione al presidente del Consiglio, ricorda Olivetti, "è certo compatibile con un ruolo forte della sede collegiale di governo, ma non con un ruolo meramente esecutivo di un programma alla cui definizione non abbia partecipato".

Resta la sensazione che tra i due partiti, il M5s sia il più cauto nell'affrontare i nodi Italia-Ue (cauto uguale timoroso) e la Lega la più garibaldina. E il contratto di governo soddisfa sia noi che la Lega: dentro ci sono tutti i temi più importanti, i loro e i nostri per dare vita a un governo di cambiamento vero. ", lasciamo tutto nelle mani di Mattarella con l'ipotesi di andare al voto il prima possibile". Ci vuole semplicità, al via una grande riforma fiscale. Le incompatibilità più complesse da superare?

Infine, Salvini ha lanciato un duro attacco contro l'Europa ed i media, accusandoli di star cercando di manipolare la politica italiana attraverso discorsi inerenti la crisi finanziaria. "E quindi su questo la Lega deve avere mano libera per la tutela della sicurezza dei cittadini e smantellare il business sulla pelle di queste persone".

Nella diretta Facebook di Matteo Salvini, realizzata all'ora di pranzo, il leader del Carroccio ha sottolineato come: "Salvini premier?". Dalla Catalogna sono uscite centinaia di imprese in pochi giorni, quando si è affacciata l'ipotesi di una secessione dalla Spagna e dunque dall'euro: non volevano che la loro tesoreria fosse convertita in una moneta risibile.