Giro , Mohoric vince a Gualdo Tadino

Giro , Mohoric vince a Gualdo Tadino

Venerdì 18 maggio partirà da Ferrara la tredicesima tappa del Giro d'Italia.

Matej Mohoric, 23, a braccia levate a Gualdo Tadino.

Una fibrillazione che, inizialmente latente, si è diffusa in tutta la città per esplodere, proprio come la lava dell'Etna, proprio il 10 maggio. Entrambi furono poi i primi della classifica finale. C'è chi parla di allergia e chi conferma che non c'è stato nessun infortunio. "La maglia bianca Richard António Carapaz è quinta, Fabio Aru, invece, è a 2'39" dalla rosa. La tappa transita sulle provinciale 491 sulla Rigopiano-Castelli (bivio Castelli fino alla 150) e sulla 19/a per Miano (dal bivio 150 al bivio della statale 81) che domani saranno interdette al traffico. Anche Elia Viviano arriva staccato.

Nell'immagine in basso i primi posti dlela classifica generale, dopo la decima tappa. Al suo terzo Giro d'Italia, infine, dopo piazzamenti poco esaltanti si è aggiudicato la decima tappa, con arrivo a Gualdo Tadino, andando addirittura due volte in fuga.

Emozioni da vivere anche con le immagini in diretta tv trasmesse da EuroSport HD (accessibile per gli abbonati Sky e Mediaset Premium). Chi riuscirà a conquistare la maglia rosa e la vittoria di tappa? Il vincitore del Tour e pronosticato vincitore del Giro perde oltre un minuto e arriva stravolto al traguardo.

2 - Nico Denz (AG2R La Mondiale) s.t. Ciclisti che stringevano le mani, campioni che con tranquillità rilasciavano interviste, membri della sicurezza che mantenevano l'ordine bloccando con garbo i curiosi che volevano avvicinarsi alle zone riservate. E la disponibilità è stata ricambiata dagli addetti ai lavori e dallo staff organizzativo con grande gentilezza.

Di concerto con La Pro Loco, i Caffè Culturali e le Associazioni del territorio organizzerà, il 19 maggio si svolgerà un "Serata in rosa".

Il Giro d'Italia è stato accolto come un "caro amico" che da tempo non veniva a trovarci e che, finalmente, trovava il tempo di soffermarsi per una "chiacchierata".

"La tappa di Campo Imperatore è stata una festa bellissima - ha spiegato il consigliere regionale Donato Di Matteo, che per il secondo anno consecutivo ha voluto fortemente il passaggio del Giro d'Italia in Abruzzo-". A circa 90 km dal traguardo davanti attacca Frapporti, che guadagna subito un buon margine, mentre Chaves continua a perdere minuti su minuti.

Si attendono rivolgimenti in classifca. A disposizione degli utenti anche il servizio streaming. Lo strappo nel finale, breve ma intenso, sembra avvantaggiare gli scattisti. Il vincitorte, che fa parte della Movistar, compie a fine mese 25 anni. Alcuni nomi caldi: Diego Ulissi - Simon Yates - Tim Wellens - Enrico Battaglin - Wout Poels - Giovanni Visconti - Zdenek Stybar - Davide Formolo.

Quinta la maglia rosa Yates, che mantiene il simbolo del primato. La salita è resa ancora più difficile dalla presenza del pavé grossolano. Quarto posto per il nostro Domenico Pozzovivo (a 1′). Si riforma un trio; intanto non manca un altro brivido. E il traguardo è proprio di fronte alla basilica. Il ritrovo di partenza è fissato sulla Statale 81, circonvallazione Aldo Moro; il via alle 11,05, dopo un trasferimento di 5.400 metri. Tre Gpm, un paio di traguardi volanti. I corridori arriveranno a Faenza provenienti da Forlì e l'attraverseranno percorrendo la via Forlivese, via Fratelli Rosselli, viale Ceramiche, viale IV Novembre, via Tolosano, via Giovanni da Oriolo e via degli Insorti per entrare nella circonvallazione e dirigersi verso Imola, sede dell'arrivo di tappa.

"Il giovane della Bahrain Merida ha impiegato 6h04'49" per completare la tappa, con i suoi 3.856 mt di dislivello, a 40,0 km/h di media, toccando in discesa la massima di 89,4 km/h. Ebbene, per celebrare l'evento, l'Amministrazione comunale, ha deciso di allestire un momento molto speciale.