Giro d’Italia 2018: Maximilian Schachmann vince in fuga a Prato Nevoso

La corsa è stata caratterizzata dalla lunga fuga di dodici corridori - Davide Ballerini e Mattia Cattaneo (Androni-Sidermec), Cristoph Pfingsten (Bora-Hansgrohe), Ruben Plaza (Israel Cycling Academy), Vyacheslav Kuznetsov (Katusha-Alpecin), Jos Van Emden (LottoNL-Jumbo), Marco Marcato (Uae-Emirates), Giuseppe Fonzi e Alex Turrin (Wilier-Selle Italia), Boy Van Poppel (Trek-Segafredo), Maximilian Schachmann e Michael Morkov (Quick-Step Floors) - fin dalle prime battute: quando sono passati a Casale Monferrato avevano circa un quarto d'ora di vantaggio, poi ridotto a undici minuti all'arrivo a Pratonevoso, dove Schachmann ha piazzato l'attacco vincente. Nel punto più duro della salita, è il tedesco Schachmann a provare l'allungo, con Cattaneo pronto sulla ruota del corridore della Quick Step. Fortunatamente, Froome, Pozzovivo e Dumoulin non lo hanno seguito e hanno proseguito la loro azione in forcing.

Pozzovivo è il primo a tagliare il traguardo degli avversari della maglia rosa, davanti a Froome e Dumoulin. I giudici hanno stabilito che l'esito della 21.a e ultima tappa del Giro d'Italia è valido, ma non i tempi finali della corsa, presi dopo il terzo passaggio sotto il traguardo dei Fori Imperiali. In difficoltà su una salita non difficilissima vede il suo vantaggio assottigliarsi prima di grandi altre sfide in alta quota. L'edizione numero 101, insomma è ancora aperta: "nella generale Yates è sì in testa, ma il capitano della Sunweb si avvicina alla prima posizione con un gap di 28 secondi, mentre l'attuale terzo posto di Pozzovivo, sempre più in forma, registra un ritardo di 2'43".

Yates trema e il Giro improvvisamente si riapre e torna l'incertezza per il finale verso Roma. Secondo Plaza, poi il buon Cattaneo.

Domani sarà il giorno della cima Coppi con il Colle delle Finestre a quota 2172.

Domani si parte da Venaria Reale per arrivare dopo 184 chilometri a Bardonecchia, altra stazione sciistica.

Il britannico se ne sta in gruppo sereno e tranquillo. Prima vittoria al Giro per Froome, che ha già conquistato quattro Tour e una Vuelta. "Ora sto bene, dopo la caduta non ero al 100% e adesso mi sento meglio".

"Ordine d'arrivo. 1. Schachmann in 4h 55' 42". 2. "Mattia Cattaneo (Ita) a 00'16" (+04" abbuono) 4. "Oggi per me è stata una bella giornata ma ci sono due tappe difficili e non sarà facile per nessuno ". "Dumoulin (Ola) a 28"; 3. "POZZOVIVO Domenico BAHRAIN - MERIDA 02'43", 4. "Thibaut Pinot (Fra) a 4'24" 6.