Giornata mondiale ipertensione, primo screening gratuito nelle farmacie palermitane

Giornata mondiale ipertensione, primo screening gratuito nelle farmacie palermitane

In Italia gli ipertesi sono 16 milioni e solo una persona su tre ha la pressione ben curata.

Deve passare il messaggio che la Giornata Mondiale della lotta all'ipertensione è fondamentale per la tutela della salute di ciascuno di noi - ha detto Marco Bacchini, presidente di Federfarma Verona - Per questo Federfarma oltre alla giornata nazionale del 17 maggio con le iniziative di piazza ha voluto prolungare di altri 3 giorni in farmacia la possibilità di accesso alle misurazioni gratuite e alla compilazione del questionario sul rischio ipertensione. Giovedì 17 maggio, dalle 9 alle 18, in occasione della giornata mondiale della ipertensione arteriosa, organizzata dalla Società italiana Ipertensione Arteriosa-SIIA, i cittadini potranno incontrare i professionisti della Clinica e terapia medica dell'Azienda ospedaliero-universitaria di Parma e fare il controllo, in modo gratuito e qualificato.

Ad aderire all'iniziativa ci sarà anche l'équipe del Centro per la Diagnosi e Terapia dell'Ipertensione Arteriosa del Circolo di Varese, inserito nella struttura di Medicina 1, diretta dalla professoressa Luigina Guasti e inserito nel Dipartimento di Medicina interna, diretto dalla professoressa Annamaria Grandi, con la collaborazione dei volontari della Croce Rossa Italiana.

Tutto avverrà in forma totalmente gratuita e consentirà di fornire al cittadino tanto l'informazione relativa al proprio livello pressorio quanto, grazie al semplice questionario, un dato di massima relativo alla correttezza del proprio stile di vita. Anche quest'anno l'ospedale Sant'Anna aderisce alla manifestazione. In particolare oggi, 15 maggio, presso l'Istituto Del Prete di Sava, il Dott.

I partecipanti riceveranno la scheda con il calcolo dei fattori di rischio cardiovascolare e indicazioni sul corretto uso dei dispositivi per la misurazione della pressione arteriosa a casa. In generale, più alta è la pressione e maggiore è il rischio di malattie cardio-vascolari, quali infarto cardiaco, scompenso cardiaco, fibrillazione atriale, ictus cerebri, demenza ed insufficienza renale. Più del 30% della popolazione italiana adulta, continua la dottoressa Rosticci "è affetta da ipertensione arteriosa e questa percentuale aumenta in maniera significativa, quasi a raggiungere l'80% se prendiamo in considerazione gli over settantenni, ma il dato ancor più preoccupante è che quasi il 10% dei bambini e degli adolescenti italiani sono affetti da questa patologia". Almeno Il 30% degli italiani - continua la dr.ssa Rosticci - sono ipertesi ma non sanno di esserlo.