Fischi al Dall'Ara, Bologna sconfitto anche dal Chievo

Fischi al Dall'Ara, Bologna sconfitto anche dal Chievo

Roberto Donadoni è stato infatti chiarissimo in conferenza stampa: il Bologna deve fare bene davanti al proprio pubblico.

PRIMO TEMPO - Eppure i rossoblù hanno iniziato bene la gara.

È il Bologna a passare al 12' col decimo gol in campionato di Verdi, il secondo consecutivo su calcio di rigore. Tridente offensivo: Verdi, Destro e Palacio. Tre minuti dopo ancora una protesta del Bologna per un presunto fallo di Castro su Palacio. Fra i migliori contro i rossoblu' di Zenga ("conta il bene del Chievo, non quello personale"), Giaccherini conosce bene la piazza di Bologna, dove ha giocato nella stagione 2015-16, e non si aspetta regali. Quelli riservati anche a Giaccherini, ex che non si lascia commuovere e con un gran mancino al volo pesca subito dopo l'intervallo il jolly dell'1-1 e poi esulta con maglia tolta e dedica alla parte di tribuna che l'applaude, mentre la curva è d'altra opinione. Mbaye nella ripresa soffre troppo l'esuberanza di Giaccherini. Il Chievo cresce e cerca la vittoria, mentre il Bologna appare confuso. Il gol apre la partita e il Bologna per due volte si divora il vantaggio: prima De Maio calciando male a due passi dalla porta e poi Destro calciando addosso a Sorrentino scalpellando due assist al bacio di Verdi. Chi continua con costanza nel suo pomeriggio difficile è Pairetto, che stavolta fa un torto al Chievo ignorando l'affossamento di Helander su Castro.

BOLOGNA (4-3-3): Mirante 6,5; Mbaye 5,5, De Maio 6, Helander 5,5, Masina 6; Poli 6,5, Pulgar 6,5, Dzemaili 6 (63' Falletti 6); Verdi 7, Destro 5,5 (51' Avenatti 6), Palacio 5,5 (75' Donsah 6). La grande occasione per il pareggio arriva al 40': Verdi calcia di destro da fuori area, conclusione potente e precisa, ma Sorrentino è splendido nella deviazione sul palo che in pratica certifica la salvezza del Chievo.