Elsa Fornero va in pensione (senza legge Fornero)

Elsa Fornero va in pensione (senza legge Fornero)

Va in pensione Elsa Fornero, e lo fa a 70 anni in quanto professoressa universitaria. In questi due anni la docente ha avuto il tempo di stilare e far approvare una riforma sulle pensioni che ha visto modificarsi l'età pensionabile. Progetti per il futuro? "Spero di poter curare l'orto e viaggiare di più insieme a mio marito", dice a Repubblica.L'ex ministra aggiunge che avrebbe potuto ottenere la pensione già alla fine del mandato governativo: "Se avessi fatto domanda allora avrei ottenuto un assegno mensile più che doppio rispetto a quello che avrò da novembre, ma ho preferito continuare a insegnare". A un'età più avanzata di quella ormai prevista per i dipendenti pubblici e privati (66 anni e 7 mesi), perché nel caso dei docenti universitari si applica la legge Gelmini del 2010, che ha abbassato l'età di collocamento a riposo obbligatorio a 70 anni. "Voglio dedicarmi alla lettura e fare volontariato".

A causa dei tanti attacchi e delle minacce ricevute negli scorsi anni, ancora oggi Elsa Fornero è costretta ad avere un servizio di scorta. In particolare potrà tornare nella sua San Carlo Canavese e godersi il giardino oltre che naturalmente l'assegno della pensione.

Tutti i diritti di utilizzazione economica previsti dalla legge n. 633/1941 sui testi da Lei concepiti ed elaborati ed a noi inviati per la pubblicazione, vengono da Lei ceduti in via esclusiva e definitiva alla nostra società, che avrà pertanto ogni più ampio diritto di utilizzare detti testi, ivi compreso - a titolo esemplificativo - il diritto di riprodurre, pubblicare, diffondere a mezzo stampa e/o con ogni altro tipo di supporto o mezzo e comunque in ogni forma o modo, anche se attualmente non esistenti, sui propri mezzi, nonché di cedere a terzi tali diritti, senza corrispettivo in Suo favore. Vada a spiegarlo a chi ha promesso di cancellare la riforma Fornero. "Con il tempo, si può realizzare una maggiore flessibilità nell'eta di pensionamento, accompagnata da una variazione nella pensione, più alta per chi va in pensione più tardi".