Conficca coltello nella testa del fratello dopo lite in famiglia nel Napoletano

Conficca coltello nella testa del fratello dopo lite in famiglia nel Napoletano

Un uomo, già noto alle forze dell'ordine e tossicodipendente, ha accoltellato alla testa il fratello 25enne, in seguito ad una lite con la madre.

Raggiunta l'abitazione e preso un coltello da cucina con lama lunga 10 cm, il 35enne ha affrontato il fratello.

Violenza a Pozzuoli, questa domenica mattina una lite tra due fratelli è finita nel sangue in un appartamento in via Alvaro, nel quartiere di Monterusciello. Ha così tentato di raggiungere l'ambulanza nella quale si stavano prestando i primi soccorsi al fratello per aggredirlo nuovamente. I carabinieri gli hanno intimato di gettare il cacciavite e lo hanno bloccato.

Il ferito è stato trasportato all'ospedale "Santa Maria delle Grazie" di Pozzuoli. I militari dell'Arma sono riusciti a bloccarlo e disarmarlo e lo hanno fermato con l'accusa di tentato omicidio, trasferendolo nel carcere di Poggioreale. Lì è stato sottoposto a intervento chirurgico per l'estrazione del coltello, venendo ricoverato in prognosi riservata, non in pericolo di vita.