Centrafrica, il cardinale di Bangui condanna il massacro: "Ora giustizia"

Centrafrica, il cardinale di Bangui condanna il massacro:

Il card. Dieudonné Nzapalainga, arcivescovo di Bangui, ha condannato con fermezza l'attacco a una chiesa di Bangui che ha ucciso 16 persone. Il bilancio delle vittime e dei feriti sarebbe ancora provvisorio.

"La violenza non è la soluzione ai nostri problemi" ha ribadito il Cardinale. Si tratterebbe della chiesa di Notre Dame. "Ovvero che si sappia la verità e che venga resa giustizia alla popolazione centrafricana" continua il Cardinale. Cinque persone sono state trattate presso la maternità di Gbaya Dombia, nel quartiere PK5, dove sono state stabilizzate prima di essere dimesse. C'è la volontà di dividere il Paese? "C'è una agenda nascosta?".

Il pastore della capitale della Repubblica Centrafricana invoca per il suo Paese degli "eroi" che dicano ad una sola voce "no alla violenza, no alla barbarie, no alla auto-distruzione". Rivolge poi un appello "a tutti i gruppi politici, amministrativi, religiosi, senza distinzioni, perché tutti insieme possiamo alzarci in piedi come un solo uomo per condannare l'accaduto poiché è lo stesso corpo centrafricano ad essere minacciato dall'interno".

Un invito, infino, anche ai credenti ad avere "padronanza di sé per evitare la rabbia, l'odio, la vendetta, le rappresaglie". "Che Maria, Regina della Pace, benedica il nostro Paese" ha concluso il Cardinale.