Android Things 1.0, il Robottino Verde per l'IoT

Android Things 1.0, il Robottino Verde per l'IoT

La dashboard del nuovo Android P, infatti, calcola quando, per quanto tempo e quanto spesso usiamo le applicazioni del nostro smartphone. In base a quelle che sono le nostre informazioni e le ricerche che effettuiamo Google News andrà a proporci novità sulla base dei nostri interessi. Insieme alle App Actions sono state integrate le Slices, ovvero azioni simili che permettono di accedere celermente a delle funzioni utili di una determinata app.

LG Electronics, Xiaomi Technology e altri produttori di smartphone inizieranno a integrare l'intelligenza artificiale nei propri dispositivi a fini pratici, Per esempio consentendo che gli utenti possano consultare recensioni per un capo di abbigliamento inquadrandolo con la camera dello smartphone. Il sistema è ancora più intelligente e se per caso collegherete le cuffie, saprà che probabilmente ascolterete della musica e permetterà di caricare più veloce l'app. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.

Google Lens: le potenzialità dell'app sono molto interessanti. Ovviamente ci si scordi di avere subito Duplex anche in Italia: i primi test di integrazione con Google Assistant inizieranno in estate e, verosimilmente, la funzionalità potrebbe essere presentata ai possessori - anglofoni - degli smartphone Pixel in autunno.

L'Intelligenza Artificiale verrà sfruttata in ogni campo insomma. Sicuramente una funzione piuttosto utile per l'utente, che non si informerà su un unico canale, ma avrà modo di documentarsi oggettivamente.

Riguardo la distribuzione degli aggiornamenti sui dispositivi Android TV, Android Police ha riferito che Google ha detto di aver iniziato a lavorare su nuove immagini di sistema per semplificarne lo sviluppo futuro e rendere più rapido il rilascio dei nuovi aggiornamenti.

Google ha anche presentato alcune funzionalità che hanno l'obiettivo di migliorare la vita delle persone con difficoltà o disabilità; come Lookaout, un'app pensata ad aiutare persone non vedenti, attraverso la comunicazione di alcune informazioni, come la posizione di alcuni oggetti etc. L'app sarà disponibile prossimamente nel Play Store. Ha dichiarato l'azienda di Mountain View.

Giorno per giorno ci conoscerà sempre meglio diventando di volta in volta più preciso. Non sarà necessario quindi aprire tutta l'app per svolgere un'operazione, magari ripetitiva.

I piccoli pulsanti per la selezione rapida delle impostazioni dei vari toggle non sono più disponibili. In questo modo è possibile fondere il flusso di dati di due o più fotocamere, in modo da realizzare un miglior effetto bokeh.

E nonostante l'evento non fosse focalizzato sulle soluzioni di marketing - per quello bisognerà aspettare il Google Marketing Live di luglio - qualche novità è emersa anche in questo settore, con alcuni annunci inerenti AdWords e AdMob.