Zappadu: "Basta Berlusconi, vorrei paparazzare Renzi con la Boschi"

Zappadu:

Entrando più nello specifico di quanto accaduto, #Silvio Berlusconi si trovava all'interno dell'Auditorium di Isernia a tenere uno dei suoi comizi a sostegno del proprio candidato (Donato Toma) per le prossime elezioni, che si terranno a breve nella regione del Molise, quando ha dovuto fare i conti con un incidente. "In chiave italiana" la crisi siriana "porta un'accelerazione sulla formazione del nuovo governo", scandisce, prima in collegamento con la manifestazione 'Dialoghi Eula' nel Cuneese, poi indiretta su Facebook. Una battuta dietro cui si cela l'ansia del "passo di lato" del Cavaliere, che equivarrebbe all'abdicazione del partito. Una vita reale che dice di smetterla di rompervi le palle, di rompere le palle. Matteo Salvini, di fronte a questa impasse, prova a chiedere un salto di responsabilità che metta fine alle incomprensioni e agli attacchi reciproci: "L'unica strada è un accordo centrodestra e M5s", altre strade non ce ne sono, altrimenti "meglio andare a votare", dice il segretario della Lega in un'intervista al tg3.

Ma quel che interessa il capo del partito di via Bellerio e' riportare l'attenzione sulla situazione di stallo politico. Io ho il dovere di rappresentare 5 milioni di cittadini che mi hanno confermato la loro fiducia, che credono nella nostra esperienza nei nostri valori e nei nostri programmi. "O si fa questo governo e si comincia a lavorare subito, oppure si torna al voto", Basta capricci e veti, io sono pronto anche domani". "Qualcuno, come Pd e Forza Italia, sogna i 'governoni' con tutti, alla Monti. E dimostra di non conoscere nemmeno l'Abc della democrazia". Basta dire: "'se ci sono io, non c'è luì".