Sarri: "L'obiettivo è battere record di 87 punti"

Sarri:

Il tecnico del Napoli spende anche qualche parola sul futuro di questo Napoli: "Lo scontro diretto con la Juve decisivo per lo scudetto?" E invece - dichiara Sarri - ci siamo trovati sotto: esserlo contro una squadra in lotta per la salvezza diventa poi problematico, loro ci hanno messo in difficoltà con la loro velocità e con il loro atteggiamento: se arbitrassi non permetterei certi atteggiamenti. Oggi abbiamo creato tanto, è un momento in cui sfruttiamo una percentuale ridotta delle palle gol create. E' mancata qualità tecnica in impostazione, oggi abbiamo sofferto più del solito anche in situazioni dove solitamente facciamo bene. "Ci sono stati momenti in cui con lo stesso numero di occasioni facevamo 6 gol". Abbiamo sbagliato palloni banali e la finalizzazione. Sull'ex Empoli ci sono lo Zenit, il Galatasaray e non solo: Mancini potrebbe lasciare lo Zenit e i russi in passato offrirono tanti soldi a Sarri, cosi come il Tottenham che potrebbe perdere Pochettino. "Di buono c'è che siamo arrivati a 18 mesi di imbattibilità esterna". Oggi ci ha aiutati, è stato pericolosissimo ed ha preso una traversa.

Con la 30ª giornata che si gioca in un particolare sabato che precede la Pasqua, al termine della Serie A mancano solo 8 giornate.

Il Napoli non supera l'esame di maturità; nel momento più importante della stagione, i partenopei si fermano contro il Sassuolo che mette alle strette gli uomini di Sarri per tutti i 90 minuti. Due anni fa questo lo abbiamo pagato in modo pesante, soprattutto a Udine, ma quest'anno lo stiamo pagando un po' meno. Se qualcuno volesse pagarla, sarebbe legalmente ineccepibile e noi dovremmo farci da parte.