San Filippo Neri, arriva la "raccolta differenziata 2.0"

San Filippo Neri, arriva la

All'evento prenderanno parte, oltre al sindaco Francesco Pelliccia e al consigliere con delega al ciclo dei rifiuti Maria Novella Sbaraglia, anche tecnici e sviluppatori dell'applicazione, che illustreranno nel dettaglio le funzionalità sperimentali dello strumento, frutto dell'analisi della user experience registrata nel primo anno di differenziata a Subiaco. Per fare un paragone con un'amministrazione precedente quando Ignazio Marino arrivò al Campidoglio nel 2013 la percentuale di raccolta differenziata era al 37%, quando Marino fu cacciato - nel 2015 - era arrivata al 41%. In tutto si arriverà a ben 21 isole a servizio della cittadinanza che sta utilizzando queste ultime in modo più appropriato. In buona sostanza il risultato sulla differenziata a Roma sarebbe gonfiato. Quest'ultimo ha raccontato di essere stato colpito da un operatore della Trapani Servizi, la società che si occupa della raccolta dei rifiuti, identificato in seguito nel 58enne D.L., al culmine di un litigio. Invitato ad intervenire, il vicesindaco Licari ha tra l'altro affermato: "Abbiamo ridotto drasticamente il volume di rifiuti che alimenta un mondo grigio di interessi portati avanti dai gestori delle discariche, che finiscono per condizionare anche la Regione". Nelle zone dove sono stati rimossi i cassonetti si sono accumulati rifiuti.

Questa mattina alle 7,30 il sindaco Giovanni Ruvolo, l'assessore Maria Grazia Riggi, i componenti della terza commissione consiliare, il dirigente della ripartizione ambiente ed energia, Giuseppe Dell'Utri, accompagnati dalla squadra della Polizia municipale addetta ai controlli e dal direttore di Cl.Ambiente, Santo Mirisola, hanno effettuato diversi sopralluoghi per le vie del centro storico e nel quartiere Santa Barbara.

A questo punto intervengono i privati, aziende che hanno partecipato all'appalto del Comune (da nove milioni di euro) per ripulire le strade dalla monnezza. A Viagrande inoltre, ormai da qualche mese è disponibile per il download anche un app che guida il cittadino, attraverso menù ed indicazioni, al corretto conferimento: "dall'informazione sul tipo di destinazione per ogni singolo prodotto (tramite scansione del codice a barre), alle indicazioni dei punti di raccolta degli abiti usati, delle pile ed anche dei medicinali".

Gli idioti sono coloro che siccome la vecchia sdraio di plastica non ci sta nel bidoncino la abbandonano in un bosco.