Rossi furioso: "Marc è recidivo e pericoloso. Spero non mi parli più"

"Corre con tutti nella stessa maniera" aggiunge. In gara non è successo solo a me un episodio del genere, ma anche a Zarco con Pedrosa e Espargarò con Petrucci.

Eppure il fenomeno spagnolo ha peccato nella gara sudamericana pensando di poter essere sopra le righe e di non venire punito per le sue scorrettezze. In quegli attimi concitati la sua manovra ha sorpreso forse tutti.

Il regolamento non è interpretabile, parla chiaro: se la moto ti si spegne sulla griglia di partenza devi andare in fondo. In quel momento lui era gia' fuori dalla gara. Lui fa quello che gli pare. Questo e' il problema.

Rientrato in pit lane con le orecchie basse dopo un gp da incubo Marquez, fischiatissimo dal pubblico argentino, scende dalla moto e scortato da Alberto Puig (team principal HRC) e dal manager Emilio Alzamora si dirige al box di Valentino per chiedere scusa al Dottore. "Quindi andiamo a casa sereni, ma questo weekend ci ha dimostrato che dobbiamo ancora continuare a lavorare su diversi aspetti della nostra moto". Lui alza il livello della competizione ad un livello che e' pericoloso. Ma i riflettori sono stati tutti su Valentino Rossi e Marc Marquez, protagonisti di un incidente a quattro giri dal termine. Ha spinto la sua Honda Hrc sulla griglia di partenza per cercare di riaccenderla e poi e' andato contromano per rimettersi in griglia. L'italiano però non ha voluto neanche avvicinarsi al Cabroncito che è stato invitato da Alessio Salucci (amico di Rossi) ad abbandonare il box. Ha rischiato di finire per terra con un sorpasso alla Aprilia di Aleix Espargaro', sanzionato com la restituzione della posizione guadagnata e, poi, nel finale quando avrebbe potuto superarlo con facilita' un paio di curve dopo, vista la superiorita' della sua moto rispetto alla Movistar Yamaha, si e' buttato senza pensarci troppo su Valentino Rossi che era sesto, facendolo cadere per terra. Quando ho passato Valentino mi si è chiuso l'anteriore e poi a causa del bagnato in pista è successo quello che è successo. "Spero che lui stia lontano da me e che non mi guardi più in faccia". Valentino Rossi non ha peli sulla lingua dopo l'ennesimo duello in pista finito male tra i due. Secondo lui, infatti, quelle erano scuse per le telecamere più che realmente rivolte a lui per l'accaduto. Dietro al vincitore chiude Johann Zarco che fino all'ultimo ha provato ad attaccare il britannico della Honda LCR. "Quinto posto per Maverick Vinales a 14".