Regge asse M5s - Lega: Molteni presidente Commissione speciale

Regge asse M5s - Lega: Molteni presidente Commissione speciale

Agenpress - Nicola Molteni, deputato della Lega, è stato eletto presidente della commissione speciale della Camera come annunciato ieri da Lega e M5S.

Un assenza che la dice lunga sul rispetto che questo partito, che si candida a governare il paese, ha nei confronti delle istituzioni e verso un atto solenne di riconoscimento ai cittadini benemeriti. Ma gli umori che filtrano parlano di un lento ma progressivo sganciamento di Salvini dal Cavaliere sorretto da una quasi certa vittoria del Carroccio alle prossime regionali.

I lettori de ilSicilia.it vorrebbero un governo che metta insieme il Movimento 5 Stelle e la Lega di Matteo Salvini. E soprattutto un segnale del fatto che al di là delle dichiarazioni di rito, M5S e centrodestra già hanno raggiunto l'accordo per formare il governo. Di Maio non può dire o la Lega o il Pd. "Oggi ho chiamato Di Maio per accelerare i tempi per l'operatività di Camera e Senato".

Sembrerebbe una spigolatura buona solo per i topi d'Aula, ma non lo è. "È una Lega molto diversa", prova a tentarlo. Per la posizione di presidente della commissione speciale sul Def, che al Senato è guidata dal pentastellato Vito Crimi, era circolato nei giorni scorsi il nome dello stesso Giorgetti. Quanto ai dem, nonostante il fronte del dialogo con il M5s cresca, le prospettive per un'apertura non sono mature. "Sono andati avanti con la ruspa" ha poi concluso Marcucci, sottolineando come, a suo avviso, "questa maggioranza parlamentare è di fatto già politica".

Anche il Garante nazionale dei diritti dei detenuti, Mauro Palma, è intervenuto sulla questione: "Negare un passaggio meramente consultivo finale - ha detto - che non prevede possibilità di intervento di merito denota una disattenzione grave rispetto all'ampio mondo di coloro che tale provvedimento da tempo attendono". Le strade, fatta eccezione per un ritorno al voto, sono tutte aperte, anche quella di un incarico esplorativo ad una personalità terza.