Napoli, un altro bagno di folla alla partenza: benzina verso Firenze

Napoli, un altro bagno di folla alla partenza: benzina verso Firenze

Non è vero che tifano per la sorpresa, per il Napoli, o per la favola di turno.

Ogni Fiorentina sogna di essere un Napoli ma non puó esserlo. La Juve ringrazia e scappa via a +4 grazie alla vittoria di ieri sull'Inter, verso Torino lo scudetto numero 7 consecutivo per la formazione di Allegri. Il tam tam che si diffonde nelle radio e sui social vede principalmente due imputati alla sbarra: in primis Orsato per la direzione di ieri che ha condizionato l'esito di Inter-Juve e probabilmente anche la prestazione degli uomini di Sarri, apparsi come svuotati, e poi Aurelio De Laurentiis, contestato a gran voce anche dai sostenitori del Napoli al Franchi e "reo" di non aver rinforzato l'organico a gennaio.

Il Napoli non è il primo della classe che studia sempre e prende tutti dieci: è quello simpatico, carino, che piace a tutte ma non vuole cuccare. Nella ripresa la gara riprende sulla falsariga della prima frazione: il Napoli, complice l'inferiorità numerica, resta in balia della Fiorentina che, potendo giocare sul velluto, non disdegna a cercare il raddoppio, e lo trova ancora col Cholito, facendosi fa trovare pronto in area durante una mischia e, di tap-in, sigla la sua doppietta personale. Domenica speciale a Firenze, per tutti.