Meteo ITALIA: Venerdì e Sabato, piogge, temporali e Neve al Centro-Nord

Meteo ITALIA: Venerdì e Sabato, piogge, temporali e Neve al Centro-Nord

Per giornata di domani, sabato 31 marzo, valutata allerta gialla sul Friuli Venezia Giulia, sulla Lombardia, sul settore meridionale dell'Emilia-Romagna, sulla Toscana, su gran parte dell'Umbria, sul Lazio, sull'Abruzzo, sulla Campania, sul versante occidentale della Basilicata e sui settori occidentali della Sardegna. Soffieranno venti intensi e sulle Alpi cadrà ancora la neve.

Anche sull'Umbria la fase di tempo asciutto sta per finire e già dal tardo pomeriggio di oggi venerdi 30 avremo piogge sparse che continueranno nella nottata e mattinata di domani sabato 31 con temporali sparsi e nevicate sulle cime appenniniche, la temperatura sarà in calo, ma dal tardo pomeriggio avremo una attenuazione dei fenomeni ad iniziare dal nord della regione.Per domenica 1 aprile e giorno di Pasqua, ampie schiarite al mattino con residua nuvolosità, poi durante la giornata avremo la formazione di annuvolamenti anche imponenti con rovesci sparsi, migliora in serata, temperature fresche.

Venerdì 30, il tempo risulterà subito compromesso al Nord con cielo molto nuvoloso su tutte le regioni e con precipitazioni temporalesche sulle Prealpi e sul Friuli Venezia Giulia, nevose sulle Alpi piemontesi e lombarde sopra i 1100 metri; nel pomeriggio peggiorerà ulteriormente con temporali sulla Liguria e ma possibili fin verso la Pianura padana, escludendo parzialmente l'Emilia Romagna. La perturbazione determinerà anche forti venti nei bassi strati, in particolare al centro-sud. Mari da molto mossi a molto agitati. Lo ha emesso la Sala operativa della Protezione civile regionale.

La Protezione Civile specifica che la criticità prevista in Campania è da intendersi verde (nulla) su tutte le zone di allerta fino alle ore 12:00 di oggi; che in Friuli Venezia Giulia il rischio idraulico per la zona 'c' è relativo al bacino del tagliamento e al rischio acqua alta e mareggiate, il rischio idraulico per la zona 'd' è relativo al solo rischio acqua alta e mareggiate; che la criticità geologica in Veneto nella zona vene-a è limitata al comune di Perarolo di Cadore (Bl), dove permane la situazione di criticità legata alla frana della busa del cristo oggetto di monitoraggio da parte degli uffici della regione del veneto - direzione protezione civile e polizia locale.