Inps: da oggi online presentazione domande Ape volontario

Inps: da oggi online presentazione domande Ape volontario

APE volontario: quasi settemila le domande di certificazione del diritto finora accolte. Il ritardo della procedura - secondo l'ABI - è imputabile essenzialmente dalla complessità di mettere in atto tutti quei meccanismi che ne caratterizzano l'attuazione.

L'Ape volontaria, entrata in vigore il 13 febbraio 2018, è un prestito bancario erogato dall'INPS in rate mensile. Per le lavoratrici dipendenti e per le lavoratrici iscritte alla Gestione separata la domanda deve essere presentata entro gli 11 mesi dalla fine del congedo di maternità o del periodo teorico di fruizione dell'indennità di maternità mentre, per le lavoratrici autonome, devono sussistere le seguenti condizioni: sia concluso il teorico periodo di fruizione dell'indennità di maternità; non sia decorso un anno dalla nascita o dall'ingresso in famiglia (nei casi di adozione e affidamento) del minore. Possono farne richiesta coloro che sono in possesso dei requisiti anagrafici e contributivi previsti dalla norma. Quello che scatterà a inizio anno nuovo sarà il terzo adeguamento previsto dalla Legge Fornero, per cui cambieranno fondamentalmente tutti i requisiti utili per poter accedere alla pensione. Dai ieri infatti è reale la facoltà di scegliere se andare in pensione a 63 anni richiedendo il prestito finanziario a garanzia pensionistica.

Importante: il professionista può chiedere il cumulo se ancora non percepisce la pensione (anche se ha già maturato il relativo diritto presso una delle gestioni previdenziali).

Ape volontaria, in pensione a 63 anni con 20 anni di contributi. Ma che cos'è l'anticipo pensionistico e come funziona?

Anticipo pensionistico: come fare domanda?

Nell'istanza il richiedente deve indicare, tra gli aderenti, sia l'istituto finanziatore cui richiedere il prestito sia l'impresa assicurativa alla quale richiedere la copertura del rischio di premorienza.

A questo punto, sarà l'INPS a dover mandare avanti la pratica chiedendo alla banca scelta il prestito "ponte".

Dopo la concessione del prestito da parte della banca, dal momento in cui il contratto è reso disponibile online al richiedente decorrono i termini di 14 giorni per esercitare il diritto di recesso. Dal 1° gennaio 2017 questa possibilità è stata estesa anche ai professionisti che hanno versamenti sia all'Inps sia alle loro casse privatizzate (medici, ingegneri, avvocati, veterinari, ragionieri, geometri, geologi, psicologi, consulenti del lavoro e altre categorie). Pertanto dal 13 aprile è possibile presentare domanda di APe Volontaria e, entro il 18 aprile, la domanda per ottenere gli arretrati di Ape maturati.