Il Bologna batte il Verona ed è virtualmente salvo

Il Bologna batte il Verona ed è virtualmente salvo

Bologna, Donadoni | Ha ritrovato il tridente pesante l'allenatore del Bologna Roberto Donadoni che contro il Verona ha schierato Verdi, Destro e Palacio.

Con una vittoria l'Hellas Verona poteva agganciare la Spal e superare il Crotone, abbandonando il penultimo posto, ma quella di Pecchia continua a dimostrare di essere una formazione "nè carne, nè pesce", costruita in estate con diversi limiti ed impoverita dal mercato invernale.

"È vero. Nel primo tempo il nostro approccio non è stato dei migliori, poi ho visto grande piglio e grande voglia". Fra gli ospiti, si salva Nicolas.

Il Bologna cerca il vantaggio ma non sempre è preciso, soprattutto nell'ultimo passaggio, quello necessario a mettere il compagno in grado di battere a rete.

Rolando AARONS (Hellas Verona): totalmente velleitario là davanti, quando viene chiamato in causa a centro area (per esempio da Lee) non ha mai i tempi giusti. Al 31' Verdi segna su punizione dopo essersi procurato il fallo: Nicolas è sorpreso dal sinistro sul suo palo. Pur impegnando Mirante solo con un tiro di Lee al 40°, spesso la squadra di Pecchia mette in apprensione la difesa rossoblù.

Incoraggante invece la partenza dell'Hellas nella ripresa, che ha provato a far girare la sfera per cercare la via della rete, ma l'assenza di idee di gioco e di uomini d'area ha complicato non poco le cose ai veronesi, i quali tuttavia al 52' sono riusciti a costruire una buona azione per Romulo, che da buona posizione ha sparato però alto, mentre Verdi ha provato a gelare i sostenitori scaligeri presenti a Bologna, con un tiro da fuori che si è spento sul fondo. Alla mezzora arriva il gol.

A fine partita Donadoni, evidentemente soddisfatto, ha detto che d'ora in poi si aspetta una squadra con la testa libera che giochi serena e conquisti più punti possibile nelle prossime sei gare per migliorare la classifica rispetto agli scorsi anni.

Bologna: Mirante, Masina, De Maio, Helander, Mbaye, Poli, Dzemaili, Pulgar, Verdi, Destro, Palacio.

Verona (4-4-2): Nicolas 6; Ferrari 6, Caracciolo 5,5, Vukovic 6, Felicioli 5,5; Romulo 5,5 (Lee 6,5 23' s.t.), Fossati 5,5 (Matos s.v. 38' s.t.), Valoti 5,5, Aarons 5; Cerci 5 (Petkovic 5,5 15' s.t.), Fares 6. All.