Fisco,da oggi sul web precompilata 2018

Fisco,da oggi sul web precompilata 2018

TUTTE LE FASI DELLA DICHIARAZIONE PRE-COMPILATA - Da oggi 30 milioni di contribuenti, o i soggetti delegati, potranno consultare online la propria dichiarazione. Oggi la novità direttamente dall'Agenzia delle Entrate.

Con il provvedimento n. 10793 del 15 gennaio 2018, l'Agenzia delle Entrate ha approvato in via definitiva il modello 730/2018 per la dichiarazione dei redditi 2017 nonché le relative istruzioni. La precompilata diventa sempre più ricca di dati, quest'anno saranno caricati quasi un miliardo di dati e, per la prima volta, ci saranno anche le spese sostenute dalle famiglie per gli asili nido. Il rimborso medio che il fisco erogherà a ciascun dipendente, attraverso il proprio datore di lavoro, sarà attorno ai 900 euro, mentre l'importo medio che l'Inps restituirà a ciascun pensionato si aggirerà sugli 800 euro.

In tutta l'annata in corso, l'Agenzia delle Entrate mette a disposizione circa 20 milioni di modelli 730 oltre che a 10 milioni di modelli Redditi, comprensive di tutte le informazioni già inserite l'anno passato ma anche la possibilità di inserirne delle nuove. Si può correggere o integrare il 730 dello scorso anno, si può farlo da soli o ricorrere a un intermediario, che sia un commercialista o un CAF.

I modelli già completi di tutte le voci potranno essere consultati, scaricati e anche modificati e integrati con la modalità di compilazione assistita.

L'utilizzo del modulo 730 precompilato 2018 non è obbligatorio.

Pure il modello Redditi può essere modificato dal 2 maggio, ma può essere trasmesso dal 10 maggio al 31 ottobre.

- COME ACCEDERE AI DATI: I contribuenti possono accedere alla propria dichiarazione precompilata tramite il Sistema pubblico per l'identità digitale (SPID), con le credenziali dei servizi telematici dell'Agenzia delle Entrate, con il pin rilasciato dell'Inps, e con le credenziali di tipo dispositivo rilasciate dal Sistema Informativo di gestione e amministrazione del personale della pubblica amministrazione (NoiPA) oppure utilizzando la Carta Nazionale dei Servizi. Novità anche per il requisito di della distanza all'università che è di 100 km e si riduce a 50 km per gli studenti che vivono in zone montane o classificate come disagiate. Tra queste, sono state aumentate le detrazioni per interventi antisismici o di riqualificazione energetica su parti comuni di condomini. Da maggio, poi, sarà possibile l'invio della dichiarazione.