Capello: "In Nazionale mancano i talenti"

Capello:

Adesso mi diverto a fare l'opinionista, si vince sempre con questo lavoro.

Sulla possibilità di vedere Roberto Mancini come commissario tecnico della Nazionale ha risposto poi così: "E' difficile far bene con giocatori mediocri. Ci sono dei giocatori che fanno bene in Serie A e male in Nazionale, servono esperimenti in questo momento".

Capello invece promuove l'eventuale scelta di Mancini: "E' un allenatore di esperienza, che ha girato il mondo, e questo lo aiuterà nelle relazioni con i giocatori ma mancano i talenti". Rinnovamento totale o a passaggi? Lo stesso vale per Messi: lui inventa gioco, è un pericolo costante. Per le italiane è molto difficile, Real Madrid e Barcellona partono per 1-0. Sono giocatori sempre determinanti e quest'anno più che mai. Quest'anno sono ancor più dominanti. Non do molte possibilità alle due italiane, e questo mi dispiace. Il calcio italiano? I giocatori devono saper giocare a calcio. In Italia si parla loro di tattica già a 12 anni, in Spagna danno sempre e solo il pallone. La tattica è facile da correggere, la tecnica no. Juve o Napoli per lo Scudetto?

Sullo lotta scudetto vede meglio la Juve: "Ha solidità mentale e qualità tecnica e un allenatore che sa leggere benissimo le partite". Zidane? Ha carisma, personalità e credibilità verso i giocatori, a volte prendendo anche decisioni contrarie alla volontà del gruppo. Si è reso credibile nei confronti dei calciatori perché, magari anche tramite decisioni non condivise dallo spogliatoio e dalla società, ha trovato il successo in più occasioni. Secondo me Mbappe e Neymar assomigliano rispettivamente a Leo e al portoghese.