Bozzo: "Morata al Milan? Le intenzioni c'erano tutte"

Bozzo:

Sicuramente il fattore predominante sarà stato il legame che lo spagnolo mantiene sempre con la Juventus, ma occorre precisare che nella scorsa estate il Milan è stato vicinissimo a concludere l'affare con il Real Madrid. Per questo motivo il procuratore dell'attaccante non ha ricevuto alcun pagamento o retribuzione. La stagione di Morata in Premier League non è stata esaltante dopo un'ottima partenza, ma di sicuro ha fatto meglio dello stesso Kalinic e di André Silva.

Cosa sarà potuto andare storto nella trattativa che avrebbe portato Morata a vestire la maglia del Milan? Una doppia beffa per i rossoneri, che avevano avviato dei contatti veri per il classe '92 che si è poi trasferito al Chelsea.

L'avvocato Bozzo, interpellato da gianlucadimarzio.com, ha chiarito la vicenda: "Quello che la Federazione ha pubblicato sul proprio sito è un incarico, regolarmente depositato, al fine di portare avanti una trattativa per conto del Milan con il Real Madrid che poi non si è concretizzata". Questa commissione viene ricevuta solo con il buon esito dell'operazione di mercato. Il mandato è un passo ufficiale che viene redatto in modo da poter operare legittimamente. Un mandato diventa inefficace nel momento in cui l'operazione non si concretizza.

Tra le spese relative ai procuratori spunta un interessante retroscena su Morata al Milan: l'incarico era stato registrato, ma non si è chiuso.