Asili nido e taglio al "superticket" nella prima della Giunta Fontana

Asili nido e taglio al

Una misura che "riduce del 50% il ticket che deve essere versato per ogni prestazione, con un ticket massimo che passa dai 30 ai 15 euro".

Entro l'estate lo "sconto" sarà operativo, uno sconto che riduce l'ammontare del contributo che prima arrivava a un massimo di 30 euro, da aggiungere al ticket nazionale di 36 euro, e che ora potrà toccare un massimo di 15 euro. Questi i temi affrontati nella prima seduta della giunta regionale della Lombardia presieduta dal presidente Attilio Fontana che ha illustrato i provvedimenti approvati in conferenza stampa insieme agli assessori al Welfare Giulio Gallera e a alle Politiche sociali, abitative e disabilita' Stefano Bolognini.

Quanto all'ampliamento della misura Nidi Gratis, il capogruppo del Pd ha precisato che "la Regione annuncia che metterà 3 milioni in più rispetto ai 32 di risorse provenienti dalla vituperata Europa. Il provvedimento di riduzione del ticket riguarderà un milione e mezzo di cittadini lombardi ("Mi piace rimarcare che il 54% dei cittadini è già esente dal ticket", ha sottolineato Gallera), quelli cioè che nel 2017 hanno usufruito di visite ed esami specialistici e pagato un superticket superiore ai 15 euro". L'elenco delle esenzioni totali o per prestazione correlata (per esempio relative alla patologia invalidante o all'infortunio) e' consultabile all'indirizzo http://www.regione.lombardia.it/wps/wcm/connect/64762a83-002f447aa15183e309a2267f/tabella+esenzioni+specialistica+ambulatoriale+18012018.pdf?MOD=AJPERES&CACHEID=64762a83-002f-447a-a151-83e309a2267f. "Perché il buongoverno si nutre di fatti concreti, al servizio dei cittadini".

QUARANTA NUOVI ADDETTI AI CONTROLLI - "In nome della concretezza - ha proseguito il presidente Fontana - intendiamo investire gli 8 milioni derivanti dalle multe nell'assunzione di 40 nuovi addetti a controlli".

Tra i provvedimenti intrapresi anche un aumento programmato dei controlli sulla sicurezza nelle imprese. Questo il commento del neo assessore regionale alle Politiche sociali, abitative e disabilita' Stefano Bolognini al provvedimento che consente l'"ampliamento della misura dei nidi gratis, una misura accolta con interesse e che ha registrato un rilevante successo per molte famiglie lombarde che voglio mandare i bambini al nido". "Capisco le posizioni di tutti - ha concluso il presidente Fontana - ma di fronte a decisioni che rendono meno oneroso curarsi con il sistema sanitario lombardo, tutti dovremmo essere soddisfatti". In sostanza, da settembre 2018 a luglio 2019, verranno aumentati del 15% i posti disponibili dei nidi privati convenzionati per quei genitori, residenti in Lombardia, occupati o in fruizione di percorsi di politiche attive del lavoro, che hanno un indicatore Isee 2018 inferiore o uguale a 20mila euro.

Dopo la prima Giunta è invece convocato per domani, giovedì 5 aprile alle 10, il primo Consiglio regionale.