Speaker sbaglia il nome di Astori e viene licenziato dal club

Speaker sbaglia il nome di Astori e viene licenziato dal club

Francesco Bircolotti non è più lo speaker del Perugia, gli è costato il posto aver per due volte detto "Davide Astolfi" anziché "Davide Astori", a due giorni dalla morte del 31enne capitano della Fiorentina.

Francesco Bircolotti è stato licenziato dal presidente del Perugia dopo aver sbagliato il cognome di Astori durante la partita col Brescia dello scorso 6 marzo. Ha pronunciato involontariamente quel nome, di sicuro non l'ha fatto con intenzionalità. La squadra biancorossa ha deciso di entrare in campo con una speciale maglietta con tanto di scritta "Ciao Davide". Episodio che non è passato inosservato anche alla società del Perugia, con soprattutto il presidente del club umbro, Massimiliano Santopadre, che non ha preso bene la situazione. Grande commozione collettiva per la scomparsa del calciatore viola, con tutto lo stadio pronto ad osservare con grande rispetto il minuto di raccoglimento in sua memoria. Un lapsus, niente di eccessivamente grave: ha sbagliato nel pronunciare il nome del giocatore che ha perso la vita alla vigilia del match con l'Udinese.

Considerato l'errore, lo speaker si è poi scusato tramite social in più occasioni, affermando che l'emozione gli ha tirato un brutto scherzo.

Al suo posto un'altra voce conosciuta a livello locale, quella di Marco Taccucci, che verrà verosimilmente confermato come speaker del Renato Curi fino a fine stagione.