Sciopero, trasporti a rischio l'8 e il 22 marzo

Sono stati proclamati per giovedì 8 marzo vari scioperi nel comparto sanità.

Più precisamente, per i mezzi urbani, suburbani ed extraurbani del bacino di Bologna saranno garantite solamente le corse dal capolinea centrale verso periferia, e viceversa, con orario di partenza fino alle ore 8.15 al mattino e fino alle ore 19.15 alla sera. Uno sciopero che toccherà i vari settori dell'economia e dei servizi, ma che potrebbe avere ripercussioni soprattutto nel trasporto pubblico locale lagunare, dove Usb ha un certo peso.

Disagi conseguenti allo sciopero potrebbero verificarsi anche in relazione alla possibile soppressione di treni Tper che circolano sul servizio regionale delle linee della rete Rfi Ferrara-Ravenna-Rimini-Pesaro, Ferrara-Bologna-Imola-Rimini, Bologna-Parma-Milano, Bologna-Poggio Rusco, Bologna-Porretta Terme e Modena-Mantova. Bus, tram, metropolitane a rischio. Previste comunque le fasce di garanzia fino alle 8.30 e dalle 17 alle 20. Disagi anche per chi viaggia in aereo, per l'adesione allo sciopero di piloti e assistenti di volo. Presso gli aeroporti di Roma Fiumicino e Ciampino si fermeranno per 24 ore pure i dipendenti di Aviation Services, mentre a livello nazionale ci sarà da registrare lo stop di ENAV per 4 ore (13.00-17.00). Il personale di Alitalia incrocerà le braccia per tutto il giorno e verrà affiancato dai dipendenti di Meridiana Fly e Air Italy per 4 ore (12.00-16.00).

Il ministero dell'istruzione ha chiarito con una nota come lo sciopero generale coinvolgerà anche la scuola. Le lezioni saranno quindi a rischio per l'intera giornata di giovedì 8 marzo: i dirigenti scolastici ne daranno comunicazione a famiglie e studenti, le lezioni saranno quindi a rischio e il pericolo è che gli studenti stiano a casa per diversi giorni, unendo alla chiusura per le elezioni anche lo sciopero. Previsto un secondo sciopero il 23 marzo 2018.