San Francisco vieta la vendita di pellicce: un provvedimento storico

San Francisco vieta la vendita di pellicce: un provvedimento storico

La Repubblica Ceca, da parte sua, ha votato per vietare gli allevamenti di animali per l'industria delle pellicce, seguendo l'esempio di Austria, Regno Unito, Paesi Bassi e Svizzera.

La città californiana di San Francisco ha votato un provvedimento che vietare la vendita di pellicce, diventando il la più grande città americana ad adottare una tale misura per proteggere gli animali."Per sostenere coloro che non hanno la parola, i miei colleghi hanno appena votato 10 a 0 per sostenere la mia proposta di vietare la vendita di nuovi indumenti o accessori in pelliccia a partire dal 1 gennaio 2019" ha twittato Katy Tang, membro del consiglio di sorveglianza della città, considerata una delle più progressiste del paese.

San Francisco vieta la vendita di pellicce. San Francisco è la terza città in California ad applicare la norma dopo Berkeley e West Hollywood. "La pelliccia non è moderna", ha proclamato lo scorso ottobre il Ceo di Gucci, Marco Bizzarri, uno dei brand che, come Kors, Versace, Ford, Furla, Givenchy, BCBG, Hugo Boss, Armani, ma anche catene come Zara, H&M e Ovs, hanno optato per un deciso cambio di rotta. Il consiglio ha già messo al bando le sigarette al mentolo e nel 2016 ha varato l'aspettativa per paternità che impone alle imprese private di garantire ai futuri papà sei settimane di assenza dal lavoro pagata.

Gli unici che criticano il divieto e le sue conseguenze sono i commercianti, spaventati dal voto di San Francisco, che si aspettano un impatto negativo sulle entrate. La Humane Society ha definito il divieto di vendita di pellicce una "vittoria storica" per gli animali uccisi per la pelliccia. Ogni anno muoiono ancora 50 milioni di animali solo per usare la loro pelle o pelliccia e il messaggio del divieto è chiaro, salvaguardare gli animali. L'Ufficio di analisi economica della città ha stimato le vendite di pellicce a 11 milioni di dollari nel 2012, in base ai dati del censimento. Sono minimo 30 i rivenditori di questa tipologia di abbigliamento soltanto nell'area turistica del centro della città, la famosa Union Square.