Reduce da lezione di Cc, anziana fa arrestare due truffatori

Reduce da lezione di Cc, anziana fa arrestare due truffatori

I tre sono stati rinchiusi al carcere di Poggioreale a Napoli.

Grazie ad un'arzilla anziana, reduce da un incontro promosso dalle forze dell'ordine per spiegare come contrastare possibile truffe, i carabinieri di Padova hanno arrestato due campani per una decina di colpi con la tecnica dei falsi avvocati.

In poco più di un anno i colpi messi a segno dalla banda di truffatori sono stati più di settanta. I carabinieri di Padova avevano tenuto incontri in centri anziani e parrocchiali sulle tecniche della truffa e una 74enne di Piove di Sacco, che aveva imparato bene la lezione non si è fatta ingannare.

Si presenta alla porta della vittima come avvocato, parlando al telefono riferisce alla vittima che il figlio si trova dai Carabinieri o dalla Polizia per un incidente stradale, e che c'è urgenza di reperire un cifra in denaro. Poi un esattore passava dall'abitazione del frodato a raccogliere gli importi o in alcuni casi gioielli, oppure oggetti preziosi e la frode era compiuta.

L'anziano si è reso conto di essere stato truffato proprio per via di una visita avvenuta nel pomeriggio da parte della parente in oggetto che ha smentito quanto accaduto e ha immediatamente allertato il 112.

Le descrizioni del malvivente, dell'auto su cui viaggiava, corrispondevano al giovane fermo con la vittima di turno ed è bastato poco agli agenti per comprendere che si trattava della stessa persona.

Le indagini sono tuttora in corso ma l'episodio descritto è solo l'ultimo di una serie di truffe perpetrate in tutto il territorio nazionale.