Palermo, respinta l'istanza di fallimento: il comunicato del presidente Giammarva

Palermo, respinta l'istanza di fallimento: il comunicato del presidente Giammarva

Il Tribunale del capoluogo siciliano, infatti, ha respinto l'istanza di fallimento presentata qualche mese fa dalla procura.

Proprio questi ultimi, però, possono tirare un grande sospiro di sollievo: i conti sarebbero a posto.

Dunque, come riporta 'Sportmediaset', la difesa ha avuto la meglio e il verdetto ha stabilito che la situazione debitoria è molto inferiore ai 62,9 milioni di euro stimati dal consulente della procura Alessandro Colaci. E il club può così tornare a concentrarsi sulla promozione in serie A, cosa che, tra l'altro, vale (tra diritti tv, merchandising, abbonamenti, biglietti e altro) circa 45 milioni di euro.

La Sezione fallimentare ha respinto le richieste dei sostituti Andrea Fusco e Francesca Dessì, dando ragione al presidente rosanero Giovanni Giammarva e al pool di avvocati ed esperti: Francesco Pantaleone, Francesca Trinchera e Gaetano Terracchio, Francesco Paolo Di Trapani, Nicola De Renzis e Lorenzo Stanghellini. La decozione e' presupposto essenziale della dichiarazione di fallimento dell'impresa. Secondo il trader italo-americano, il club non sarebbe stato in grado di sopravvivere senza immissione di capitali da parte di soggetti terzi, ma Zamparini ha già annunciato azioni legali nei suoi confronti. La PEC di oggi è solo la fine di un percorso tortuoso durante il quale la società si è sempre mostrato fiduciosa.