Operaio folgorato all'Isuledda: è morto nonostante i soccorsi tempestivi

Operaio folgorato all'Isuledda: è morto nonostante i soccorsi tempestivi

Tragedia sul lavoro questa mattina in Costa Smeralda: un operaio di 37 anni Stefano Podda, nato a Villamar e residente ad Arzachena è morto folgorato all'interno del camping-villaggio Isuledda, in località La Conia a Cannigione, nel Comune di Arzachena.

Secondo una prima ricostruzione dell'infortunio mortale, l'uomo stava manovrando un camion gru per rimuovere un gazebo in legno nel camping, che doveva essere sostituito con un'altra struttura. I carabinieri di Olbia e gli esperti della Asl stanno lavorando per ricostruire la dinamica della tragedia.

L'ingresso dell'Isuledda
L'ingresso dell'Isuledda

Per svolgere la mansione Podda era sceso dal mezzo e aveva iniziato a manovrare la gru da terra; a quanto pare aveva i piedi in una pozzanghera. Durante le operazioni la gru ha toccato un cavo elettrico e l'operario è stato attraversato da una scarica da 15mila volt. Sul posto è arrivata subito l'ambulanza del 118 ma nonostante i tentativi di rianimarlo, l'operaio non ce l'ha fatta.