Milano non si candida a Olimpiadi 2026

Milano non si candida a Olimpiadi 2026

"Credo che senza un governo sarà difficile per l'Italia avanzare candidature e non credo che il 'Cio' (Comitato olimpico internazionale, ndr) non apprezzi una situazione in cui tante città di un Paese si fanno avanti". Lo ha annunciato il sindaco Beppe Sala a margine della cerimonia per la Giornata dei Giusti dell'umanità al Monte Stella, luogo di Milano che in passato ospitò anche delle gare di sci con i campioni Coppa del mondo (e dove, tra le altre cose, un giovane Alberto Tomba vinse la sua prima gara ufficiale): "Milano non si candida - ha detto il sindaco, che poi però ha lasciato aperto uno spiraglio - Noi non ci facciamo avanti, la designazione spetta al Coni".

Giuseppe Sala, sindaco a Milano, è tornato a parlare dello stadio di San Siro ai microfoni di Radio Deejay.

Sala: "Olimpiadi 2026 a Milano?". Di Milano non si era invece mai parlato esplicitamente, forse per non aggiungere troppa carne al fuoco, ma in qualche corridoio rimbalzava la voce di un interesse del sindaco in merito. "Io non posso non rispettare questa volontà". "A nessuno sfugge quanto le Olimpiadi possano essere importanti per una città". "Sono d'accordo con Matteo Salvini che sostiene una candidatura olimpica che coinvolga più Regioni, come Lombardia, Piemonte e Veneto, e più città, ognuna in grado di mettere a disposizione strutture o bellezze naturali come le nostre splendide montagne, il tutto ovviamente con un impatto ambientale nullo", aggiunge.