Lo sfogo di Vasco Rossi contro Facebook ei 'social-mentecatti'

Lo sfogo di Vasco Rossi contro Facebook ei 'social-mentecatti'

I carabinieri della stazione di Imperia hanno richiesto ed ottenuto l'oscuramento dei siti in modo da evitare che altri soggetti cadano nel tranello ed inoltre sequestrato il conto su cui le vittime inviavano i pagamenti.

Spiacevole sorpresa per una quarantenne imperiese, che dopo aver acquistato on line biglietti per il concerto di Vasco Rossi in programma a padova per il prossimo giugno, si è accorta che in realtà il sito su cui aveva effettuato l'acquisto era un sito fasullo. Confermati Matt Laug, Claudio Golinelli, Alberto Rocchetti, Frank Nemola, Stef Burns, Vince Pàstano e la new entry Beatrice Antolini che - per quest'anno - sostituirà Clara Moroni e Andrea Innesto, quest'ultimo al fianco di Vasco dagli anni '80.

Un vero e proprio sfogo, quello di Vasco Rossi, contro quelli che il cantautore definisce "social-mentecatti". "Non le scrivo per compiacere, ma per comunicare", ha scritto il famoso cantante, raccogliendo l'incondizionata approvazione e il plauso di migliaia di fan. Nessuno è obbligato a venire ai miei concerti. Non è un nome d'arte. Ai social-mentecatti che mi immaginano nelle mani di altri o pensano di sapere come devo comportarmi Rispondo che Vasco Rossi sono io.

E conclude: "Niente e nessuno mi può condizionare". Devo essere io ad andare sul palco. Per con. vincere! Questo faccio da quarant'anni e il mio popolo che mi conosce bene.

Quello del soundcheck, evento più intimo rispetto alla classica data zero del tour aperta al pubblico, è uno dei momenti più apprezzati dal pubblico del Blasco, un'esperienza ravvicinata che crea senso di comunità e avvicina i fan all'artista, come dimostra il video del soundcheck del Vasco Live Kom 015 che si tenne a Bari.