Lago di Garda, recuperato cadavere: è lo studente scomparso

Lago di Garda, recuperato cadavere: è lo studente scomparso

Marco aveva solo 16 anni.

Da sempre, esclusa dagli inquirenti l'ipotesi del suicidio, la tesi più avvalorata resta quella di una caduta accidentale.

E' morto Marco Boni, lo studente 16enne scomparso il 16 febbraio scorso da Riva del Garda (Trento). La questura di Trento, che ha coordinato le ricerche nelle ultime due settimane, ne ha confermato il ritrovamento.

Il corpo senza vita del ragazzo è stato individuato dai sommozzatori della polizia a circa di 20 metri di profondità, fra le rocce del fondale del lago, sotto la strada della vecchia Gardesana.

Era stato ripreso le telecamere di videosorveglianza dell'azienda Apm nel centro della città situata sulla sponda nord del Lago di Garda.

Pochi giorni dopo la scomparsa di Marco, se n'era parlato tra l'altro a Mattino Cinque, condotto da Federica Panicucci e Francesco Vecchi. Proprio per questo in un primo momento le ricerche si sono concentrate sulle montagne circostanti, dove gli uomini del Soccorso Alpino e dei Vigili del Fuoco e le unità cinofile hanno passato al setaccio ogni sentiero percorribile, raggiungendo con le corde anche luoghi impervi dove il ragazzo avrebbe potuto precipitare accidentalmente. Ma quest'ultima, il sedicenne, non l'ha mai raggiunta. L'uomo che ha visto Marco per l'ultima volta sulla terrazza panoramica, interrogato dalla Polizia, ha detto di aver scambiato qualche parola con lui.