La Polizia sequestra due auto con intestazioni fittizie

La Polizia sequestra due auto con intestazioni fittizie

Allertati da numerose chiamate al 113 di persone che segnalavano incendi in vari punti della città (Via Piave, Via Mazzini, Corso Bucci, Piazza Cuoco, Via Veneto), fornendo anche un identikit del responsabile, gli agenti si portavano immediatamente nei luoghi interessati ponendosi alla ricerca di una persona che, in base alle descrizioni, indossava un giaccone di colore scuro, con capelli lunghi e barba.

È proprio in quest'ottica che il compartimento del Trentino Alto Adige ha individuato nelle aziende in questione il bersaglio preferito di attività di cyberterrorismo o di gruppi ben organizzati di criminalità informatica, per la delicatezza dei servizi offerti e la rilevanza del patrimonio informativo del quale le stesse sono in possesso.

I poliziotti sono scesi di nuovo in campo ieri, a Bordighera, nell'istituto scolastico di via Pelloux, con l'obiettivo di stabilire un contatto di fiducia con i ragazzi e fornire tutti gli strumenti e le conoscenze utili al fine di sensibilizzare le potenziali vittime nel chiamare la Polizia di Stato alle prime avvisaglie di pericolo rappresentati da fenomeni come il cyber bullismo, il sexting, l'adescamento on line.

Dopo aver fermato le due persone, gli agenti hanno accertato che l'uomo che aveva ricevuto la spinta aveva colto sul fatto il sessantatreenne mentre rovistava all'interno dell'auto aziendale della società per la quale lavorava.

Un uomo di origine cilena, sottoposto alla misura della sorveglianza speciale, è stato invece denunciato per aver violato la misura di sicurezza: il 35enne è stato sorpreso dalla polizia in compagnia di alcuni pregiudicati locali. All'esito dell'intervento le parti, avvisate delle proprie facoltà hanno ritenuto opportuno procedere a querela e, pertanto, gli autori delle ingiurie sono stati denunziati all'autorità giudiziaria di Cassino.

Roma - Gli agenti della Polizia di Stato del commissariato Primavalle proseguono nell'attività di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti al Quartaccio. Veicoli utilizzati per compiere truffe e violazioni al Codice della Strada.