La Lombardia rimane al centrodestra con Fontana

La Lombardia rimane al centrodestra con Fontana

Alle ore 14, sia in Lazio che in Lombardia sono iniziati i conteggi che sanciranno chi prevalerà. Non sfonda affatto il M5S: la candidata "grillina" Roberta Lombardi si attesterebbe tra il 25 e il 29%. In Lombardia sono 1556 i candidati alla carica di consigliere regionale, in rappresentanza di 19 liste a sostegno di 7 candidati alla presidenza. Il governatore uscente del Lazio è a un passo dalla riconferma.

L'ex sindaco di Bergamo, intanto, non ha voluto commentare gli exit poll e spera nell'esito delle urne. La forbice in basso, al 30%, tuttavia gli consegna un possibile testa a testa con Stefano Parisi, il candidato del centrodestra, attestato su un 26%-30%. I cittadini lombardi sono stati chiamati ad eleggere il nuovo Consiglio regionale e il Presidente della Regione, designando il successore di Roberto Maroni. Più staccato il sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi con il 4,3%. Il centrodestra candida Stefano Parisi con il supporto di Forza Italia, Lega, Fratelli d'Italia, Noi con l'Italia-Udc ed Energie per l'Italia. La vittoria di Zingaretti, che fino a qualche settimana fa sembrava scontata e con largo margine, ora appare sudata e di misura. Il partito di Pietro Grasso ha scelto di sostenere il governatore uscente del Lazio perchè con il suo programma garantiva "una svolta a sinistra".

R. Berlusconi lo rispetto, perché alla sua età ha fatto una campagna elettorale da leone. Questo è previsto, secondo i primi dati dei primi exit poll. Cinque anni fa era del 72%.

Elezioni regionali: ecco la situazione dell'affluenza nei comuni dell'Alto Varesotto alle 23.

Il candidato del centrodestra sarebbe vicino al 40%, contro il 31-35% di Giorgio Gori (centrosinistra).

Per Dario Violi Opinio Italia stima tra il 17 e il 21%, e per Onorio Rosati tra il 2 e il 4%. "Gori non pervenuto, aspettiamo la sua telefonata per riconoscere la sconfitta". Considerando che la forbice al momento è ancora piuttosto ampia, non è da escludere che il M5S superi il centrodestra arrivando al secondo posto.

Si è svolto regolarmente il voto a Mantova, nonostante sulle schede il contrassegno della lista del Pd non riportasse il nome del candidato Gori. Si è andati al voto soprattutto presso le province di Roma e Viterbo con circa il 74%, seguite da quella di Rieti al 70%, meno in quella di Frosinone 60% e Latina 63%.