La figlia è gay, la madre minaccia di sfregiarla con l'acido

La figlia è gay, la madre minaccia di sfregiarla con l'acido

È successo a Siracusa, dove la donna è stata denunciata per atti persecutori dai poliziotti del commissariato di Noto.

Fin dall'inizio non aveva accettato che la figlia avesse una relazione con un'altra donna. Quando la figlia, stremata, ha deciso di andarsene di casa e andare a convivere, le persecuzioni sono peggiorate con telefonate e messaggi offensivi e minacce sempre più serie.

Dopo tale decisione, la madre iniziava ad importunarla telefonicamente per convincerla a ritornare sui suoi passi anche inviando messaggi dal contenuto offensivo e velatamente intimidatorio.

Pochi giorni fa, la sera dell'11 marzo, la donna si sarebbe appostata dietro l'esercizio commerciale ove la figlia era stata assunta da poco e, il giorno dopo, sarebbe tornata sul luogo per esortare i titolari a licenziare la figlia, minacciando una "scenata". E' cosi' scattato il licenziamento per evitare conseguenze. La madre è stata denunciata e diffidata dall'avvicinarsi alla figlia. "Essere omosessuali è solo un modo di essere, non una scelta e tanto meno un voler offendere gli altri".il commento del presidente di Arcigay Siracusa Armando Caravini. "Come sportello e come associazione Arcigay ci mettiamo a disposizione di questa ragazza e della compagna per offrire i servizi a titolo gratuito sia da un punto di vista giuridico sia psicologico".