I dubbi Yamaha non spaventano Valentino Rossi: "Siamo pronti"

I dubbi Yamaha non spaventano Valentino Rossi:

Valentino Rossi è pronto a riaccendere i motori della sua Yamaha YZR-M1 per l'avvio della stagione della MotoGP sul circuito del Qatar, ovvero quello stesso tracciato sul quale soltanto una settimana e mezzo i piloti hanno completato l'ultimo test pre-campionato.

La Yamaha non è ancora al top, ma i miglioramenti messi in pista durante i test fanno ben sperare a lungo termine; dunque, secondo i bookmaker, Rossi taglierà il traguardo nel 90% delle 19 gare in programma (17 su 19), mentre l'en plein di piazzamenti pagherebbe 7,5.

Rossi inizierà la stagione su una pista che ama particolarmente, almeno considerando i risultati ottenuti: 4 vittorie, 4 secondi posti e un terzo posto. E questo weekend punterà a iniziare la stagione 2018 combattendo in prima fila. "E dopo tanti test, arrivare alla prima gara è sempre bello". "Sto bene, mi sono allenato bene in inverno e sono pronto a cominciare questa nuova stagione con la mia M1, il mio team e lo staff Yamaha", dice il pesarese. "I test realizzati in questo periodo sono stati molto importanti, abbiamo compreso i nostri punti forti e deboli". Dobbiamo continuare a lavorare, ma tutti qui alla Yamaha vogliono migliorare, fare belle gare e vincere. I riflettori sono tutti per Valentino Rossi con il pubblico italiano che spera di vederlo esultare ancora. "Sarà un'annata interessante, sembra ci siano molti piloti veloci, ma daremo il massimo!" .

VIÑALES PUNTA AL TITOLO - Dall'altra parte del box, c'è un Maverick Viñales altrettanto combattivo. "L'anno scorso è stato un anno difficile, con prestazioni altalenanti dall'inizio alla fine, ma soprattutto ho imparato molto nel corso della stagione con la mia M1 e ora sento che assieme potremo fare grandi cose quest'anno e lottare per vincere le gare e il titolo". "Sono sicuro - prosegue lo spagnolo - che saremo sempre a lottare lì davanti". I test pre-stagionali ci hanno aiutato a trovare tante cose che ci hanno permesso di trovare un buon assetto. "Abbiamo ancora qualche piccolo problema di elettronica ma penso che raggiungeremo il nostro 100% già al primo GP", annuncia Viñales.