FIGC, Costacurta: "Prime decisioni nei prossimi 15 giorni"

FIGC, Costacurta:

"In questi 42 giorni abbiamo ascoltato e studiato, abbiamo trovato una struttura che ci ha dato una mano e nei prossimi giorni agiremo". Sapevamo quello che volevamo fare e adesso sappiamo cosa possiamo fare.

Per quanto riguarda il prossimo CT azzurro, che andrà a sostituire il traghettatore Di Biagio, i nomi che circolano sono diversi e ultimamente anche Ancelotti non si è tirato indietro, nonostante abbia affermato di avere dei dubbi."Ancelotti ha aperto alla panchina della Nazionale - ha confermato Costacurta - Ma è sotto contratto". Credo che si debba dare la possibilità ai giovani di crescere, il problema non sono gli stranieri.

"Tanti tecnici italiani hanno dato segno di disponibilità per la panchina azzurra, le nazionali giovanili ultimamente hanno sempre ottenuto grandi risultati e gli allenatori che potrebbero arrivare sanno che c'è materiale su cui lavorare". Anche i messaggi che arrivano dal campionato spingono verso un impiego maggiore dei giovani, noi ora vogliamo dare qualche strumento in più.

Ora, a bocce ferme, con Luigi Di Biagio nominato commissario tecnico ad interim dell'Italia, Ancelotti un pensierino l'ha comunque fatto: spera in una chiamata del tandem commissariale Fabbricini - Costacurta, soprattutto di quest'ultimo, con il quale ha condiviso con il vincente allenatore la parentesi al Milan, di cui era il pallino indiscusso del trainer nativo di Reggiolo. "In Champions ci sono quattro allenatori (Di Francesco, Allegri, Conte e Montella, ndr) che dimostrano quanto bravi siano i tecnici italiani, anche quelli non passati dalla federazione".

Nazionale, ci siamo. "Fra quindici giorni qualcosa saprete". Quindi ripeto: non c'è una strada migliore dell'altra, sono valide entrambe.