A Meda scoperta una fabbrica per produrre abbigliamento griffato contraffatto

A Meda scoperta una fabbrica per produrre abbigliamento griffato contraffatto

Tutto ha preso avvio da un evento casuale: uno scambio di un involucro sospetto tra un soggetto giunto a Como su una Porsche Cayenne con targa svizzera e un altro individuo, finito sotto l'occhio dei finanzieri. Si pensava fosse uno scambio di oro o di valuta tra uno spallone e il suo cliente, invece oggetto dello scambio sono risultati essere tre foulard, privi di etichetta ma raffiguranti le effigi del marchio Louis Vuitton.

Grazie a quanto rinvenuto, le Fiamme Gialle hanno potuto ricostruire il canale di approvvigionamento e risalire ad altre due persone, una che produceva i capi, l'altra titolare di una società a Meda (provincia di Monza e Brianza) specializzata nella riproduzione dei capi e delle etichette di marchi di abbigliamento famosi. All'interno dell'auto sono state trovate diverse bustine di plastica trasparenti contenenti 209 etichette Louis Vuitton, oltre a due foulard dello stesso marchio e appunti manoscritti riferiti a movimentazioni di capi ed accessori di moda.

"Una vera e propria unità produttiva, parallela a quella ufficiale", ha indicato la Guardia di Finanza. I militari hanno quindi proceduto, nei confronti del sodalizio criminale, al sequestro per il reato di contraffazione, con l'aggravante di essere stato commesso mediante l'allestimento di mezzi ed attività organizzate dell'autovettura Porsche Cayenne, di un immobile adibito ad opificio industriale, di oltre 5.200 capi di abbigliamento contraffatti, oltre 100mila etichette e 3mila cartoncini identificativi dei marchi contraffatti, oltre 320 metri di tessuto. La società era anche provvista di un grande atelier per esporre i campionari di prodotti. I militari hanno scoperto un ingente quantitativo di merce contraffatta, oltre ad un impianto produttivo efficiente, costituito da numerosi macchinari per la lavorazione e stampa dei tessuti, nonché per la rifinitura e l'etichettatura dei prodotti.

Sono state effettuate le perquisizioni nelle residenze dei soggetti coinvolti, con particolare attenzione ai luoghi riconducibili alla società brianzola.