Scultura: la statua di Afrodite di nuovo in Italia

Scultura: la statua di Afrodite di nuovo in Italia

I carabinieri hanno ritrovato la preziosa statua della dea dell'amore rubata da un'aula dell'Università di Foggia nell'agosto del 2011. Un rientro, ça va sans dire, proprio per San Valentino.

Ad indirizzare le indagini verso la giusta pista è stata la mesa in vendita del reperto da parte di una casa d'aste bavarese nel 2013.

Il reperto fu infatti identificato grazie a confronti con la scultura in vendita e foto della presunta Afrodite scomparsa, precedentemente inserite nella Banca Dati dei beni culturali illecitamente sottratti, gestita dalla TPC. Il presunto traffico, altresì noto come ricettazione, si occupava di trasferire reperti dalla Germania fino a Ladispoli dove si trovava un negozio di questi oggetti che venivano scavati illegalmente e sottratti.

Il contrabbandiere tedesco, hanno spiegato gli investigatori, veniva spesso in Italia per valutare reperti scavati di frodo e scegliere i pezzi migliori da rivendere in Germania.

Mancava tra questi reperti la statua di Afrodite che fu poi restituita in seguito ad una rogatoria internazionale. Si tratta di un prezioso reperto del valore commerciale di 350mila euro.