Polonia: "Carcere a chi associa l'Olocausto al nostro paese". Approvata la legge

Polonia:

Nonostante le proteste dlel'opposizione nella notte il Senato polacco ha approvato la tanto contestata legge sulla Shoah con 57 senatori a favore, 23 contrari e due astenuti. Le autorità polacche chiedono regolarmente delle correzioni quando i media internazionali o i politici definiscono "polacchi" alcuni ex campi di sterminio come quello di Auschwitz, messo in piedi dalla Germania nazista nella Polonia occupata.

Il ministro israeliano Yoav Gallant ha definito la legge "un caso di negazione dell'Olocausto". La stessa pena varrà nei confronti di quanti negheranno i crimini compiuti durante la guerra sui polacchi da parte degli nazionalisti ucraini. Già approvata dalla Camera, la legge deve essere ora promulgata dal presidente Andrzej Duda. "Proteggeremo la loro memoria". Più di seimila cittadini polacchi sono stati riconosciuti "giusti tra le nazioni" dallo Yad Vahsem, ma se "i campi di sterminio non sono stati una invenzione o iniziativa polacca, ciò non assolve i polacchi dalle loro responsabilità nelle atrocità" commesse contro gli ebrei, ha ricordato la studiosa Havi Dreifuss sul quotidiano israeliano Haaretz, riferendosi al pogrom di Jadwabne del 1941 in cui più di 300 ebrei polacchi furono bruciati vivi dopo essere stati rinchiusi in un fienile, commesso secondo quanto ricostruito nel 2003 dall'Istituto Polacco per la Memoria dagli stessi abitanti del villaggio con la complicità dei soldati tedeschi che avevano occupato il territorio. Ha chiesto quindi di ritirare subito la legge.

Ieri un gruppo di senatori Usa della commissione contro l'antisemitismo gli ha rivolto un appello a non firmare la legge, mentre il Dipartimento di stato degli Usa ha invitato i parlamentari polacchi a fare un passo indietro per non peggiorare le relazioni fra gli Stati uniti e la Polonia. Il presidente del Senato, Stanislaw Karczewski ha assicurato l'intenzione del paese di portare avanti il dialogo con Israele e spiegare cosa abbia motivato la messa a punto della legge.

Oggi il governo di Varsavia del premier Mateusz Morawiecki rilascierà una speciale dichiarazione sulla nuova legge.