Parma batte Reggio: sarà capitale della cultura italiana 2020

Parma batte Reggio: sarà capitale della cultura italiana 2020

"La capitale italiana per la cultura 2020 è Parma".

In lizza c'erano anche Agrigento, Bitonto, Casale Monferrato, Macerata, Merano, Nuoro, Piacenza, Reggio Emilia e Treviso.

Parma succederà a Palermo, Capitale Italiana della Cultura 2018.

Immagine: Parma, piazza del Duomo. Ph.

L'editore Franco Maria Ricci, che ha regalato il logo della candidatura, sarà protagonista con il suo Labirinto della Masone, meta turistica sempre più importante alle porte di Parma, anche una mostra che ripercorrerà le principali tappe storiche. Sono felice di aver vinto e altrettanto felice che in finale ci fossero 3 città dell'Emilia Romagna.

Una candidatura, quella della città del sindaco Federico Pizzarotti, che ruotava intorno a trentadue progetti e il claim "La cultura batte il tempo". Così il ministro Dario Franceschini, oggi al Mibact.

"Abbiamo proposto un progetto credibile, frutto del lavoro concreto che in questi mesi ha visto impegnarsi all'unisono tutte le istituzioni coinvolte - aveva commentato il primo cittadino -".

Negli ultimi giorni molti si erano espressi per la scelta di Macerata, dopo i fatti di sangue che hanno sconvolto la provincia marchigiana, con la morte di Pamela Mastropietro e il raid razzista di Luca Traini contro i migranti.

L'INIZIATIVA La Capitale italiana della cultura è una novità introdotta con il Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83, contenente nuove misure in materia di tutela del patrimonio culturale, sviluppo della cultura e rilancio del turismo (convertito in legge e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 175 del 30 luglio 2014). "Parma 2020 è una città intera, capace di fare impresa e di presentare un modello culturale a più voci e al contempo unitario, che dovrà guidarla da subito e negli anni a venire".