LEGA, Tebas blindato da Liga, clausola anti-Italia

LEGA, Tebas blindato da Liga, clausola anti-Italia

L'assemblea de LaLiga ha approvato la modifica dello stipendio del presidente, quadruplicato rispetto al 2013, con bonus fino a 250 mila euro.

Javier Tebas, 56 anni e "padre" della riforma che ha portato alla nascita della SuperLiga Argentina non sarà il prossimo AD della Lega Serie A. Contrari cinque club, tra cui Real Madrid e Athletic Bilbao.

Sfuma, dunque, il sogno di Urbano Cairo di portare il nativo di San José ai vertici della Lega Serie A: il presidente del Torino era, infatti, uno dei maggiori sponsor di Tebas. La Liga spagnola ha blindato, con uno stipendio da 1,2 milioni e una clausola anticoncorrenza, il presidente Javier Tebas. Il dirigente con la MediaPro di Jaume Roures, col quale ha interessi comuni, ha fatto ricca la Liga dopo l'acquisizione dei diritti televisivi della nostra Serie A per il triennio 2018-2021. Le lancette scorrono: Tebas deve decidere se firmare il rinnovo con la Liga, mentre sullo sfondo restano i nomi di Sami Kahale di Procter and Gamble e Luigi De Siervo, a.d. di Infront. Domani 14 febbraio alle 11 andrà in scena l'assemblea l'assemblea con all'ordine del giorno l'elezione delle cariche, ma non ci sarà il numero legale per costituirla, perché un gruppo di società nei giorni scorsi ha informato la Lega che non si presenterà.