Internazionali di Motocross a Noto, Febvre sorprende nel finale Cairoli

Internazionali di Motocross a Noto, Febvre sorprende nel finale Cairoli

Dopo la tempesta che, la scorsa notte, ha messo a dura prova l'organizzazione, dal fango della mattina si è passati alla polvere del pomeriggio.

Seconda splendida e convincente doppietta nella 125 per il veneto Mattia Guadagnini, che ha impressionato non solo per la sua velocità, che gli ha permesso di dominare entrambe le manche, ma anche per la maturità che ha ostentato sin dalla mattinata. Il nove volte Campione del Mondo si e' rifatto vincendo la Supercampione, gara cui prendono parte i primi venti classificati di MX1 e MX2, davanti a Romain Febvre, secondo, e ad Alessandro Lupino, terzo. Per questo siamo stati un po' più attenti in gara uno, poi Febvre ha approfittato di un doppiato per passare, restando in testa fino alla fine. Terzo è Van Horebeek il quale precede un ottimo Ivo Monticelli sempre più a suo agio con la 450. La quinta posizione è di Tanel Leok (Husqvarna) mentre Alessandro Lupino (Kawasaki Gebben) è sesto. Il pilota delle Fiamme Oro è passato terzo al primo giro ma poi ha perso qualche posizione.

Nella classifica generale Renaux guida con 165 punti, davanti a Cervellin a 160 e Lawrence a 120. Il pilota belga viene, però, retrocesso di dieci posizioni, per aver sorpassato il suo compagno di squadra Febvre in regime di bandiere gialle.

Antonio Cairoli: "Siamo molto contenti, è stato un grande evento, davanti ad un grandissimo pubblico". Tony ha interpretato nel modo migliore le insidie del tracciato, praticamente in configurazione mondiale con buche e canali profondissimi, confermandosi il riferimento anche sul terreno duro. Nella supercampione Cairoli è in testa con 240 punti, secondo Febvre con 180, terzo Tannel Leok a 105.

La MX2 ha registrato l'assolo del francese del team Yamaha SD Racing, Maxime Renaux, che nelle prime battute di gara si è sbarazzato di Samuele Bernardini involandosi poi indisturbato verso la bandiera a scacchi; ottima la prova di Michele Cervellin, che nonostante la partenza nelle retrovie e i problemi al freno anteriore dovuti ad un contatto con la tabella di un segnalatore è stato autore di una grintosa rimonta, conclusa una volta raggiunta la seconda piazza. Dopo soli due giri è passato in prima posizione, e stavolta non ha trovato ostacoli ad un netto successo. E domenica, a Mantova, potrebbe arrivare il titolo di Supercampione della MX Italia per il "cannibale" di Patti. "L'inizio di stagione prosegue molto bene e il terzo e ultimo round degli Internazionali concluderà la fase pre-mondiale, dopodiché cominceremo a pensare all'Argentina, primo appuntamento iridato".