Hamsik: "Non è stato il solito Napoli. Dovevamo fare meglio"

Hamsik:

Sulla partita di domani: "Sì, può venire fuori una gara scoppiettante, essendo una eliminazione diretta può starci qualche calcolo in più". "Ormai è come un portafortuna per me". Contro il Lipsia, al San Paolo, finisce con i tedeschi in gloria (3 a 1 il verdetto) e la vergogna di un allenatore, Maurizio Sarri, deluso da quello che hanno messo in msotra i suoi ragazzi.

L'ex dirigente, ora procuratore sportivo ed opinionista, Enrico Fedele, ha pubblicato un editoriale sul quotidiano Il Roma analizzando la brutta sconfitta del Napoli contro il Lipsia: "Che figuraccia".

Sarri sul match: "Era obbligatorio fare di più, son deluso da chi gioca meno ma anche da chi gioca di più". Abbiamo fatto una partita scarica e deludente e questa non è una mentalità da grande squadra. "Proprio per questo siamo convinti che sia la nostra grande occasione , stavolta tocca a noi". Ho visto tutto quello che non avrei voluto, e dovuto, vedere: abbiamo giocato senza entusiasmo e voglia. Quando si va in Europa bisogna andarci con un altro tipo di atteggiamento. In Italia facciamo cose incredibili, le dovremmo saper fare anche in Europa.

I freddi numeri spaventano un Napoli che non ha intenzione di rischiare anche in virtù di una rosa ristretta che non permette un turn over competitivo in due competizioni. Finché gioco a calcio, questo sarà il mio stile. "E' una sfida che però devono accettare i calciatori, altrimenti sarebbe cominciato il declino". "Non è paragonabile al Napoli, ma è una squadra che corre sempre e dal punto di vista fisico sarà dura per gli azzurri". Se questa sera si pensa alla mancanza di attaccanti vuol dire che il salto di mentalità non si farà mai. Io quando arrivai mi rimase impressa una frase di Maggio che mi disse 'mister siamo arrivati a 24 punti dalla prima' quindi non eravamo competitivi, in Italia siamo diventati competitivi intanto, ma se un gruppo smette di crescere inizia a calare.

La rete che, di fatto, sembra chiudere i giochi qualificazione porta la firma di Werner e cade quando il novantesimo è già passato: Napoli avanti, privo di equilibri e Lipsia a ringraziare per gli spazi e le praterie dove infilarsi per il terzo sigillo di una notte imprevista.